Banner Top
Banner Top

Strever: “La crisi c’è ancora, la ripresa nel 2021”

Il turismo è in affanno ma il settore mercantile non sta meglio. Il grafico del traffico marittimo passeggeri punta verso il basso. A confermare il delicato momento è Gennaro Strever, rappresentante della Regione all’interno del Comitato di gestione dell’autorità del sistema portuale dell’Adriatico centrale nonché presidente della Camera di commercio di Chieti-Pescara e componente del tavolo nazionale di lavoro di Unioncamere-Uniontrasporti e presidente dell’associazione nazionale costruttori edili della provincia.

Il virus ha provocato una crisi generale“, dice Strever. “Il porto di Punta Penta, che è regionale, sta meglio di altri porti che puntavano sul traffico passeggeri. In ambito portuale, a subire maggiormente gli effetti della pandemia è stato il settore del traffico passeggeri. Ancona ha risentito maggiormente della crisi rispetto a Punta Penna”, dice Strever. “Al settore marittimo passeggeri sono collegate le guide e gli accompagnatori turistici, le officine specializzate, i carrozzieri, le assicurazioni. Le località costiere come Vasto e San Salvo hanno avuto in estate una boccata d’ossigeno grazie alle numerose presenze. Ma non è stato per tutti così” , dice l’imprenditore.

Sono molti i posti di lavoro a rischio nel Vastese come nel resto d’Italia e nessun settore è esente. E i numeri lo confermano. Le imprese attive dei servizi di alloggio e ristorazione raccontano un importante decremento dei movimenti. In affanno c’è anche il commercio.

“I dati raccolti in questi mesi”, spiega Strever, “confermano la criticità che sta attraversando anche il sistema produttivo. Si registrano poi difficoltà negli approvvigionamenti laddove i prodotti arrivano da Paesi europei che soffrono come noi le restrizioni del covid. Come ente camerale stiamo cercando soluzioni e rimedi per alleviare la sofferenza di commercianti e imprenditori. Non è possibile negare le difficoltà, ma sono difficoltà che riguardano tutta l’Europa e non solo. Un nuovo lockdown sarebbe devastante e per questo è importante collaborare tutti per fermare l’avanzare del virus. Ma non dobbiamo scoraggiarci. La crisi c’è e ci sarà anche nei prossimi mesi. Stiamo lavorando e confidiamo che possano essere trovate misure efficaci che riescano a sostenere il sistema imprenditoriale. Questo è il momento per impegnarsi ancora di più, tutti insieme: istituzioni , imprese, associazioni. Il 2021 sarà l’anno della ripresa”, conclude fiducioso il presidente Strever.

Paola Calvano

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.