Banner Top
Banner Top

Rione blindato, Menna: “I divieti non si toccano”

“Non sono io a decidere i divieti ma la legge”. Commenta così il sindaco di Vasto, Francesco Menna dopo le lamentele di diversi residenti di via Tobruk e via san Michele costretti la domenica, quando la squadra di calcio locale, la Vastese gioca in casa, a spostare la loro auto da sotto casa, a non poter rientarre a casa o a vivere disagi a causa dei numerosi divieti di circolazione. 
L’Osservatorio nazionale sulla manifestazioni sportive e lo stesso ministero hanno tracciato i profili di rischio che vanno evitati e per i quali sono necessari provvedimenti per assicurare la pubblica sicurezza. Lo stadio Aragona si trova purtroppo nel centro della città, difronte alla villa comunale, a due passi da corso Italia e fra decine di palazzi”.
“Quando l’area viene chiusa per motivi di sicurezza – continua il primo cittadino – alle famiglie può sembrare una decisione eccessiva. In realtà è un provvedimento dettato dalla legge e preso per tutelare proprio quelli che si lamentano. L’area attorno allo stadio continuerà ad essere interdetta in occasione degli incontri a rischio”.
“Domenica grazie ai provvedimenti disposti dalla prefettura e al cordone di sicurezza realizzato da carabinieri e polizia, chi ha raggiunto lo stadio Aragona è tornato a casa incolume e senza problemi. Non fu cosi il 3 dicembre 2017 quando, allo stadio Aragona, arrivò proprio il Campobasso. Al termine dell’incontro e anche durante si scatenò l’inferno”, ricorda Menna
Tanti i danni che si registrarono in quella partita. Vennero esplosi petardi e lanciate bottiglie di vetro e altri oggetti pericolosi.
Sono sicuro“, conclude Menna “che i cittadini di via San Michele e via Tobruk non vogliono questo. Per cui io confido nella loro comprensione e collaborazione. I divieti vengono presi per proteggere i residenti ,i passanti , i commercianti e le auto. E’ un gran lavoro quello che fanno nel corso degli incontri a rischio le forze dell’ordine. Collaboriamo con loro. Meglio qualche sacrificio che dover dolersi per i danni subiti”, conclude il sindaco.
Paola Calvano

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.