Banner Top
Banner Top

Chiuso il ponte sulla ciclabile, il percorso tagliato in due

La polizia municipale chiude per motivi di sicurezza il ponticello di legno della pista ciclabile ed esplode la polemica. “Le segnalazioni sulla pericolosità di quel tratto di pista risalgono allo scorso mese di giugno”, protestano alcuni ciclisti, “il Comune avrebbe avuto tutto il tempo necessario per sistemare le assi di legno e per evitare la chiusura di quel tratto in piena stagione turistica”.

Chi percorrendo la pista arriva in località Buonanotte, in prossimità dell’omonimo corso d’acqua,  non può procedere verso sud per ricongiungersi alla ciclabile del comune di San Salvo a causa delle transenne installate sul ponticello. E’ quindi costretto a tornare indietro.

“La polizia locale, che è intervenuta insieme ai tecnici comunali, ha constatato la pericolosità del percorso a causa di diversi intavolati divelti e insidiosi alla circolazione di velocipedi e pedoni”, spiega l’assessore Luigi Marcello, “ha quindi provveduto a delimitare urgentemente il tratto per fini legati alla sicurezza e alla incolumità pubblica”.

Lo stesso assessore fa riferimento a “diverse segnalazioni ricevute dai cittadini”.

Le prime risalgono allo scorso mese di giugno. Se il Comune fosse intervenuto tempestivamente  sarebbe bastato chiudere quel tratto il tempo necessario per garantire i necessari interventi di riparazione,  che si spera procedano ora celermente.

Anna Bontempo (Il Centro)      

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.