Banner Top
Banner Top
Banner Top

Valore delle quote e contratto, il caso Pulchra finisce all’Anac

Finisce all’Anac la vendita delle quote pubbliche detenute nella Pulchra. A chiamare in causa l’autorità nazionale anticorruzione presieduta da Raffaele Cantone è la deputata del Movimento 5 stelle, Carmela Grippa, che su sollecitazione  del gruppo consiliare vastese, ha presentato il 24 ottobre scorso un esposto.  L’iniziativa è stata promossa  subito dopo la bocciatura in aula della mozione presentata da Dina Carinci e Marco Gallo, con cui i due consiglieri pentastellati chiedevano di revocare la procedura di gara in autotutela sulla scorta di una serie di perplessità sia in ordine alla stima del valore delle quote (soggetta a tre valutazioni), sia in ordine al contratto quinquennale che il Comune andrà a stipulare con la Sapi dell’imprenditore vastese Giovanni Petroro, già socio privato della Pulchra che, in seguito alla vendita, è diventata ora interamente privata.

Prima del consiglio comunale dello scorso 12 novembre abbiamo inviato al sindaco Francesco Menna ed ai colleghi consiglieri una lettera con la quale li invitavamo a riflettere sulle risultanze della perizia di valore e rideterminazione del canone, nonché sui contenuti del capitolato di gara”, ricordano Carinci e Gallo, “le conseguenze della perizia, così come modificata dalla consulente il 7 luglio 2018, e del capitolato dei servizi sono molto pesanti per le casse del Comune e per i cittadini.  All’esito della gara, infatti, il prezzo della quota comunale è risultato pari a 1.160.000 euro contro 1.336.000 euro della prima perizia, con una perdita di 174.000 euro per il Comune, mentre il canone, per il quale la Ecolan e la stessa Sapi avevano richiesto un compenso annuo di 4.374.000 euro oltre ai ricavi da filiera Conai, è stato elevato ad un importo annuo fisso e non soggetto a ribasso d’asta, pari a 4.576.000 euro. Se consideriamo la prima perizia nella quale era stato rideterminato un canone di 4.576.000 senza però aggiungere i ricavi da filiera che restavano di competenza del Comune, risulta ben chiaro che, grazie al capitolato elaborato e proposto dai dirigenti, i cittadini dovranno aggiungere, a quello che era stato rideterminato come canone equo, i ricavi da filiera per un valore stimabile tra i 210.000 ed i 300.000 euro l’anno.  In sostanza, il Comune pagherà a Pulchra un canone equivalente a quanto pagava con il vecchio contratto, sebbene la stessa consulente lo avesse definito come eccessivo per almeno 300.000 euro”.

Per il gruppo consiliare vastese a farne le spese saranno i cittadini, perché se è vero che il Comune incassa 1.160.000 euro per la vendita delle quote pubbliche, dall’altra rinuncia agli utili di partecipazione nella Pulchra pari a circa 200mila euro l’anno. La perdita per le casse dell’ente per i prossimi cinque anni è stata quantificata in un milione e mezzo di euro a causa del mancato ribasso del canone.

                        Anna Bontempo (Il Centro)

Consiglio comunale carinci gallo

 

 

 

 

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.