Banner Top
Banner Top

Un “viaggio” dentro i questiti del referendum

Si è svolto ieri pomeriggio nella sala convegni del Gulliver Center, l’incontro organizzato dal Comitato per il NO-Forza Italia presieduto dall’avv. Donatella Monaco e dall’intero direttivo cittadino. Un “viaggio”, intenso ed efficace, dentro i quesiti del referendum.

 “….Un pacchetto di quattro domande a risposta unica, si o no, prendere o lasciare…. ”, ha sottolineato il consigliere comunale di FI Guido Giangiacomo nel suo intervento; una offerta speciale, del tipo compri quattro al prezzo di uno, aggiungiamo, davvero inusuale in una consultazione referendaria di tipo confermativo.

“…una deforma costituzionale….” la definisce la presidente del Comitato Donatella Monaco, scritta non in Parlamento e dal Parlamento ma nelle stanze della presidenza del Consiglio e da pochi intimi che di sicuro non possono essere definiti riformatori e tantomeno padri. La nostra Costituzione, pensata e scritta in due anni dai Padri Costituenti, nella Sala della Costituzione a Palazzo Giustiniani, viene deformata nelle stanze riservate di Palazzo Chigi, per mano di quattro deputati  della maggioranza di governo.

“…Il primo quesito, spiega Fabio Masci, cultore di Diritto Costituzionale alla Luiss  …non elimina affatto il dualismo paritario delle due Camere, né riduce le spese di mantenimento…” Al contrario il nuovo Senato, non più della Repubblica ma delle Regioni e dei Comuni, diventa prima o seconda sede di 100 precari rappresentanti di territori e città. Non è credibile nemmeno che questa trasformazione possa costare meno, con conseguente risparmio di denaro pubblico in quanto le spese di trasferta saranno di gran lunga più onerose per tutti.

Poi ci sono altri due aspetti, sempre legati al primo quesito, sui quali riflettere. Il primo: i nuovi Senatori dovranno occuparsi dell’amministrazione delle regioni e delle città, compiti per i quali sono stati eletti e, nei ritagli tempo, diciamo nel fine settimana, dovranno deliberare, come nominati, su talune leggi licenziate dalla Camera, su leggi della Comunità Europea e su altre fondamentali  questioni.

La seconda riflessione consiste sulla reale fattibilità e sui risultati che si possono ottenere da un doppio lavoro, ciascuno dei quali, pone problemi e richiede soluzioni in tempo reale, non rimandabili al rientro in sede. La domanda che i cittadini si pongono è la seguente: riusciranno ad essere solo eletti o solo nominati. Per ovvietà omettiamo la risposta.

Andrea Pastore, Senatore della Repubblica in quattro legislature consecutive, Presidente 1ª Commissione permanente (Affari Costituzionali), si sofferma su un aspetto fondamentale su cui è basata la nostra democrazia parlamentare e istituzionale, cioè la rappresentatività popolare nelle Istituzioni. Per fare un esempio: Il Parlamento elegge un terzo dei Giudici della Corte Costituzionale e un terzo dei Giudici del CSM. Alla prima Istituzione è demandato il compito di giudicare la legittimità degli atti dello Stato e delle Regioni, dirimere eventuali conflitti di attribuzione tra i poteri di dette Istituzioni e tra le Regioni stesse…etc., mentre alla seconda Istituzione, il Consiglio Superiore della Magistratura, è demandato il compito di vigilare e salvaguardare l’autonomia del potere  giudiziario. Questa riforma “….azzera il potere elettivo del Parlamento…conseguente alla privazione del diritto di voto popolare…”

“…La riforma proposta dal referendum, afferma Nazario Pagano, presidente regionale di Forza Italia, accresce in modo esponenziale il potere del Presidente del Consiglio…”, che potrà contare non solo sulla maggioranza dei deputati e il conseguente controllo della Camera ma avrà anche il totale controllo del Senato riformato, attraverso la nomina dei rappresentanti delle Istituzioni Locali…

Massimiliano Zocaro, coordinatore cittadino di Forza Italia, esprime l’augurio che la vittoria del NO al referendum costituisca un altro chiaro segnale della volontà  popolare di ridare slancio partecipativo agli elettori di Forza Italia e a tutta la vasta area di centrodestra. Forza Italia Vasto ha affrontato la campagna referendaria con la massima serietà, disponibilità e capacità sia del Comitato che del Direttivo cittadino. La presenza al convegno di numerosissimi nostri concittadini e di rappresentanti del territorio certifica il successo della manifestazione  con l’augurio che possa contribuire, il 4 dicembre,  al successo del NO.

                                                                                Presidente Comitato per il NO – Forza Italia

  • Comitato per il No Forza Italia
  • Comitato per il No Forza Italia
  • Comitato per il No Forza Italia

 

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.