Banner Top
Banner Top

Vincenzo Cosco, il suo ricordo resta vivo

“È un’entrata nel cuore di chi lo ha amato, vive nel ricordo di chi lo ha conosciuto di persona come tanti qui presenti. Se Vincenzo ha portato ad un libro, ai tanti ricordi vuol dire che la sua testimonianza vivrà per sempre. Ringrazio coloro che esaltano lo sport, l’amicizia ed il suo ricordo, se lo merita pienamente.” Inizia così la presentazione del libro dedicato alla storia di Vincenzo Cosco, “Special Wolf” per i tifosi che lo hanno potuto apprezzare da vicino e storico condottiero di quella cavalcata fantastica che permise all’allora Pro Vasto di salire nella tanto agognata e cara vecchia Serie C2 nel 2004, dopo gli storici spareggi contro il Bojano (partita di ritorno che vide presenti 7.200 spettatori sugli spalti dell’Aragona, record degli ultimi anni). Poche parole, ma significative quelle del sindaco Francesco Menna, che ha voluto sottolineare la grandezza morale di questo allenatore nonostante “non lo abbia mai conosciuto personalmente, ma chi ha avuto questa fortuna me ne ha parlato sempre con piacere e rispetto”. Una marea di ricordi invadono la sala Lucio Valerio Pudente di Palazzo D’Avalos, apprezzabili attraverso una serie di contributi audiovisivi che hanno ripercorso le tappe più importanti della carriera del Mister originario di Santa Croce di Magliano e tramite le parole dei presenti, tra i quali spiccano le figure dei direttori sportivi di Vastese e Campobasso (alla vigilia della sfida di domani, “la” sfida del cuore per Vincesco Cosco) e dell’Assessore Luigi Marcello, presenti quest’oggi per rendere omaggio ad un uomo che ha scritto la storia del calcio biancorosso.

“Vincenzo era uno tosto, uno che non si piegava facilmente. Allenava con grande passione le sue squadre ed è per questo motivo che viene ricordato con grande affetto” così ha voluto ricordarlo Piero Di Cristinzi, un dirigente storico del “football” molisano, da sempre habitat naturale dell’allenatore maglianese, con tanti anni da giocatore alle spalle prima che da allenatore. La parola, come di consueto in queste occasioni, scivola tra le diverse anime partecipanti all’incontro, fino ad arrivare al DS Pino De Filippis, tanti anni al fianco dello Special Wolf: “Sei anni di battaglie, di gioie e dolori accanto a lui. Sei lunghi anni passati tra i campi di mezza Italia con l’unico obiettivo di far bene, e quasi sempre questo ci riusciva. Tra i ricordi indelebili c’è sicuramente la vittoria dei Play Off qui a Vasto nel 2004, dopo aver perso quelli a Tolentino un anno prima. Poi l’avventura con la Valdisangro, quella con il Gela… insomma, ci sarebbero tanti aneddoti da raccontare. Sono quasi vent’anni ormai che faccio il direttore sportivo, ma gente che vive così il calcio non esiste più. Porto sempre Vincenzo nel cuore, e ricordiamoci sempre di stare accanto alla famiglia, qui ci sono presenti i figli, la moglie. Loro sono quelli che devono lottare e tenere duro più di tutti.” Parole forti, parole che fanno riflettere su ciò che è stato davvero Vincenzo, della sua grandezza umana che ha lasciato un solco profondo in chi l’ha conosciuto, su un prato verde o nella vita di tutti i giorno. “Il ricordo che mi porto dentro con maggiore intensità è quello legato ad una sua richiesta durante il periodo della seconda malattia. Mi chiese di riportarlo ad allenare il Campobasso, la sua più grande passione, dicendomi che questo l’avrebbe aiutato a guarire. Era un grande, per me sarà sempre un amico prima ancora che un allenatore” ha affermato con profonda ed evidente commozione il presidente attuale del Campobasso Giulio Perrucci, legato a Cosco da un vincolo affettivo molto forte. La presentazione del libro a cura del giornalista molisano Giuseppe Formato (il cui ricavato sarà in parte destinato a progetti di prevenzione nelle scuole, ndr) focus di questo incontro, è passata in secondo piano davanti al ricordo di un uomo così, per sempre legato all’ambiente calcistico molisano-abruzzese ed icona indelebile e certamente senza tempo del calcio vastese.

Lorenzo Ciccotosto

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.