Banner Top
Banner Top

Vigili, il sindacato impugna il regolamento

Cancella il concorso pubblico per l’assunzione del comandante, manda in archivio la laurea, titolo ritenuto finora indispensabile per ricoprire tale ruolo e viola precise disposizioni di legge e contrattuali. Finisce nel mirino del Diccap il nuovo regolamento della polizia municipale approvato dalla giunta comunale il 16 dicembre 2015, senza “alcuna contrattazione o concertazione con le organizzazioni sindacali, né alcuna consultazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza”.

Si apre un nuovo fronte tra l’amministrazione comunale e il sindacato della polizia municipale che chiede l’annullamento in autotutela della delibera con cui è stato varato il nuovo regolamento che abroga e sostituisce il precedente che risale al 2003. I motivi alla base della richiesta inoltrata dalla segreteria regionale del Diccap, che si è fatto interprete e portavoce del malcontento degli ufficiali, vengono elencati in un ricorso di ben 21 pagine, fitte di richiami alle norme legislative.

Per l’organizzazione sindacale, il regolamento – che non doveva essere approvato dalla giunta, trattandosi di una competenza specifica e peculiare del consiglio comunale – contiene numerose violazioni di legge. Le più evidenti riguardano la nomina del comandante “che non può essere interposto ad alcun dirigente amministrativo non avente lo status di appartenente al corpo di polizia municipale”, e che potrà essere reclutato senza concorso pubblico, ma solo in base a criteri di “comprovata esperienza”.

Va quindi in archivio la laurea, titolo finora ritenuto indispensabile per ricoprire tale ruolo. Il sindacato contesta anche l’articolo 15 che riguarda la figura del vice- comandante.

“Qualsiasi ufficiale può essere nominato vice comandante, senza alcun rispetto per le regole che disciplinano l’organizzazione gerarchica del Corpo”, osserva il Diccap, “commettendo un abuso macroscopico che appare ancora più eclatante e discriminatorio se si considera che all’ufficiale a cui verrà attribuita la qualifica di vice comandante spetta il grado di capitano”.

Critiche vengono rivolte anche alla nuova strutturazione degli uffici di polizia municipale che comporterebbe, secondo il sindacato, “riduzione e penalizzazione di enormi professionalità già in precedenza acquisite e sviluppate dagli ufficiali”.

Anna Bontempo

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.