Banner Top
Banner Top

Paolucci: pensaci! Il servizio di Emodinamica indispensabile per l’Ospedale di Vasto

Torna ad occuparmi, a distanza di qualche tempo, di un problema che reputo fondamentale per riqualificare la sanità nel territorio del Vastese. Torno ad occuparmene poichè, in questi giorni, ho avuto modo di toccare con mano i pericoli ed i rischi che i cittadini di questo territorio corrono ogni qualvolta si manifesta il sintomo di un attacco cardiaco. Sto parlando del servizio di Emodinamica, ovvero di quella famosa e tanto attesa Sala che non c’è nell’ospedale “S.Pio” mentre, invece, è disponibile in abbandonza nell’area di Chieti-Pescara. Un servizio all’interno del quale è possibile realizzare una coronarografia (o angiografia coronarica) che è “una procedura di tipo invasivo che consente di visualizzare direttamente le arterie coronarie che distribuiscono sangue al muscolo cardiaco. La metodica è un’indagine interventistica transcatetere, cioè si esegue per mezzo del cateterismo cardiaco; ha finalità sia diagnostiche sia terapeutiche”.

Un esame fondamentale per salvare tante vite umane. Un esame che viene negato a chi risiede a Vasto o nei paesi dell’entroterra. Un esame che viene eseguito a Chieti, Pescara o altrove ma non a Vasto. Un esame per eseguire il quale i pazienti vastesi devono sottoporsi ad un viaggio in ambulanza con l’assistenza di un medico e di un infermiere. E solo Dio sa quali rischi vi sono dietro un trasporto in ambulanza. E qui vale la pena affrontare il discorso relativo alla sottrazione di personale medico e paramedico all’UTIC di Vasto. Servizio nel quale i medici ed il personale paramedico lavorano con grande professionilità e dedizione per sopperire anche alle gravi carenze ambientali. Torno, quindi, a sollecitare l’assessore regionale alla Sanità, Silvio Paolucci, a voler riconsiderare – prima della realizzazione del nuovo tanto decantato Ospedale di Vasto -, la possibilità di realizzare all’interno del “S. Pio” la Sala di Emodinamica. Rispolverando, se del caso, i vecchi progetti presentati ed illustrati dai suoi predecessori e rimasti solo nel libro dei sogni.  Caro Assessore, i Vastesi vogliono continuare soprattutto a vivere e poi a sognare. Dai un senso alla tua presenza al vertice di un settore così importante e trova i mezzi necessari per dare a noi Vastesi un’assistenza sanitaria degna di questo nome.

Peppino Forte

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.