Banner Top
Banner Top

Sevel, sciopero per il lavoro straordinario: troppo e malpagato

Il coordinamento provinciale Slai-Cobas di Chieti ha proclamato lo sciopero degli straordinari a turni interi a partire dal sette novembre e fino al giorno ventotto dello stesso mese. Per il sindaco, l’anno 2015 verrà ricordato come il più produttivo per lo stabilimento Sevel di Val di Sangro, ma a fronte di ciò, per i lavoratori il riconoscimento economico è risibile. Inoltre, a beneficiare dei record produttivi – dicono i sindacalisti – restano i soliti noti (azienda e governo) che pretendono ulteriore flessibilità, aumento della produttività, innalzamento età pensionabile, regolamentazione del diritto di sciopero. Insomma, alla crescita del carico di lavoro per i dipendenti il ritorno economico è scarso. In compenso si accumula stress, e si riduce notevolmente il tempo libero. Questo è il pensiero di Slai-Cobas che ha proclamato giorni di sciopero.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.