Banner Top
Banner Top

“Costruire la Casa di Dio significa soprattutto ricordare che il primato della vita e della storia appartiene a Lui”

Serata indimenticabile quella che ha vissuto la Comunità parrocchiale di S. Paolo Apostolo, oggi giovedì 24 settembre 2015, in occasione della Posa della Prima Pietra del Campanile.

L’evento ha avuto due intensi momenti. Innanzitutto la concelebrazione eucaristica, presieduta dall’Arcivescovo, Mons. Bruno Forte, nella Chiesa gremita di fedeli e di rappresenti delle confraternite vastesi, con la presenza di varie autorità politiche e militari.

All’omelia il Pastore della Diocesi, facendo riferimento ai due testi della Sacra Scrittura (quello tratto dal libro del profeta Aggèo e quello tratto dal Vangelo di S. Luca), ha esordito così: “Sembra che don Gianni si sia messo d’accordo con il Signore, nella ricorrenza della posa della prima pietra del campanile, perché la prima lettura parla di una costruzione. Il profeta Aggèo, infatti rivolge a Zorobabele l’invito a ricostruire la Casa del Signore”. 

“Ma costruire la Casa di Dio – ha aggiunto Padre Bruno –  significa soprattutto ricordare che il primato della vita e della storia appartiene a Lui. Il campanile, che si deve costruire qui in questa Parrocchia vuol essere il segno che Dio ci chiama a Lui attraverso la punta che svetta verso l’alto e il suono della campana, voce di Dio che convoca il suo popolo”. 

Nel Vangelo di Luca, ha proseguito il Vescovo, si parla di Erode che cerca di vedere Gesù. Naturalmente Erode è mosso in questa ricerca dal delirio di dominio. Ma proprio perché questa ricerca egoistica viene condannata, il testo ci richiama a vivere l’autentica ricerca di Dio, che illumina di significato la vita. Il campanile, mentre ci convoca, ci ricorda che Dio è il vero scopo della nostra ricerca esistenziale.

Dopo la S. Messa il Vescovo, don Gianni e gli altri sacerdoti concelebranti si sono recati sul piazzale della Chiesa per la Benedizione di apertura del cantiere, dove si svolgeranno i lavori per la realizzazione non solo del campanile, ma anche della sacrestia e di spazi di servizio.

Qui c’è stato un breve intervento di don Gianni, che ha ricordato come il campanile è segno di una fede che si rinnova in Dio, il quale fa sentire la sua voce con il suono delle campane. Ne deriva che i campanili e le campane permangono strumenti idonei a esprimere pubblicamente culto, catechesi, cultura, carità.

Ha preso, quindi la parola il sindaco Luciano Lapenna, il quale, chiamando don Gianni “l’uomo delle sorprese”, ha assicurato il Vescovo e lo stesso don Gianni di impegnarsi con la sua Amministrazione nella realizzazione della piazza antistante la Chiesa perché diventi “un importante punto di incontro per tutta la collettività”.

E’ seguito il rito della lettura e della firma della pergamena da parte del Vescovo, di don Gianni e del Sindaco, pergamena, poi, inserita nella prima pietra del Campanile. Il Vescovo ha, quindi, impartito la benedizione al cantiere e ai fedeli presenti.

Padre Bruno ha voluto lasciare come stimolo alla riflessione sull’evento due significati della Croce. Il fatto che la “Croce sta eretta”, ci deve ricordare che mentre tutto passa, Dio è eterno e non finisce mai; il fatto che la Croce viene invocata come “unica speranza”, ci deve ricordare che nei momenti di difficoltà dobbiamo innalzare lo sguardo fiducioso a Dio che è morto e risorto per noi per ritrovare fiducia e speranza nel cammino quotidiano.

Il vescovo ha, infine, invitato tutti a pregare per lui, perché nell’impegnativo compito di segretario speciale del Sinodo sulla Famiglia, che si terrà a Roma in ottobre, possa lavorare, accanto a Papa Francesco. “docile all’azione dello Spirito Santo”.

Luigi Medea (piazza rossetti)

 

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.