Banner Top
Banner Top

Concorso dei comuni alla spesa per prestazioni socio-sanitarie, sì della commissione regionale al regolamento

Dopo tre mesi di dibattito interno alla commissione Sanità, è stato deliberato il nuovo regolamento per il concorso alla spesa dei Comuni per il sostegno ai costi a carico degli utenti relativo alle prestazioni socio-sanitarie semiresidenziali e residenziali. Una decisione, quella della compartecipazione, fortemente spinta dal governo regionale e che attraverso le 14 sedute di commissione ha subito alcune modifiche sostanziali almeno per quanto riguardo l’applicazione nell’anno in corso.

Lorenzo Sospiri, capogruppo di Forza Italia, sintetizza così le modifiche apportate con un maxi-emendamento. “Il documento riscritto – specifica il forzista – ora prevede infatti che la compartecipazione si applica su Servizio sanitario nazionale, Comuni e utenze sulla base del relativo reddito Isee: Forza Italia ha ottenuto che la giunta regionale stabilirà le soglie di compartecipazione dell’utente non senza aver prima acquisito il parere obbligatorio della Commissione consiliare competente. Perché, se arriva un utente che ha un reddito di 25mila euro l’anno, prima di stabilire la sua quota di compartecipazione sarà necessario verificare quanto incide sul suo reddito la composizione della famiglia e la presenza di disabilità. Questo “controllo” ci permetterà di contenere il danno, fermo restando che parliamo di una tassa che con Chiodi non c’era ed è stata introdotta da D’Alfonso. Seconda conquista: la parte dei Comuni è coperta al 100 per cento per tutto il 2015”.

L’annuncio del licenziamento del Regolamento n. 9 2015 229/C del 24.03.2015, recante le “Linee guida per il concorso alla spesa dei Comuni per il sostegno ai costi a carico degli utenti relativo alle prestazioni socio-sanitarie semiresidenziali e residenziali”, è stato dato da Mario Olivieri, presidente della V commissione del Consiglio regionale d’Abruzzo, che voluto ringraziare tutte le forze politiche.

“Il testo del regolamento proposto dalla Giunta Regionale – scrive Olivieri – è stato modificato con un maxi emendamento sottoscritto da tutte le forze politiche componenti la commissione. Il testo del maxi emendamento è stato formulato dopo un intenso ed ampio dibattito costruttivo che ha preso corpo nel corso di ben tredici sedute di commissione.

Il presidente della commissione Sanità esprime, dunque, “viva soddisfazione per aver raggiunto un risultato che pone la Regione, i comuni e le strutture sanitarie in una condizione di serena operatività”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.