Banner Top
Banner Top

Ordinanza contro ristoratore: il Comune revoca

Ci sono voluti un anno di tempo ed una nuova perizia per dimostrare che non è stato e non è un inquinatore. Marino Artese, proprietario del noto ristorante il “Castello Aragona” e vice presidente del Consorzio “Golfo d’oro”, era stato accusato di utilizzare la condotta di acque bianche in modo illegale facendovi confluire le acque sporche dell’abitazione propria e dei familiari.  A distanza di un anno – l’ordinanza infatti risale al mese di luglio dello scorso anno – ecco dunque una nuova ordinanza che annulla quella precedente e certifica l’onestà imprenditoriale di Marino Artese che dichiara: “rimane l’amarezza per essere stato considerato un inquinatore ma alla fine ho dimostrato che tale non sono”.  In sintesi: a seguito di una perizia dell’Ufficio circondariale marittimo, il Sindaco emanava un’ordinanza che imponeva l’esecuzione di determinati lavori necessari per l’adeguamento, e a niente è valso il ricorso che lo stesso presentava al Tar in opposizione all’ordinanza sindacale. Di certo una grande soddisfazione per lui…ma quanta fatica e quanto spreco di risorse.

E.U.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.