Banner Top
Banner Top

Garage diventati abitazioni scoperti dopo l’alluvione

 

Garage trasformati in abitazioni cpon tanto di frigoriferi, televisioni, materassi, cuscini e altre suppellettili. Oltre a produrre danni, l’esondazione del torrente Buonanotte ha portato a galla abusi e cambi di destinazione d’uso nelle aree condominiali di San Salvo Marina, oltre ai tanti rifiuti ingombranti la cui raccolta, ha comportato una spesa per le casse comunali di 100 mila euro.

L’Amministrazione Comunale, alle prese con la conta dei danni, annuncia controlli a tappeto nei complessi residenziali vicino al mare.

“Si procederà alla verifica del corretto utilizzo del garage e dell’uso improprio dei locali destinati ad uffici, vengono invece utilizzati come abitazioni vere e proprie – avverte il Sindaco Tiziana Magnacca, che ha dato mandato alla Polizia Municipale di procedere con gli accertamenti, – abbiamo incontrato gli amministratori condominiali ai quali abbiamo assicurato che il Comune provvederà al ritiro dei rifiuti, ancora per una settimana all’interno delle aree private gestite dagli stessi condomini, con costi onerosi di cui si sta facendo carico tutta la città”.

Per le minoranze consiliari stanno venendo al pettine alcuni nodi legati alle modifiche apportate al regolamento edilizio della maggioranza di centrodestra.

“Più che dare mandato alla polizia municipale, l’amministrazione farebbe bene a rimettere mano alle regole edilizie – attacca Agostino Monteferrante, membro dell’assemblea nazional del Pd – l’esondazione del torrente Buonanotte è il risultato della cattiva manutenzione del territorio e della follia cementificatrice. L’attuale maggioranza di centrodestra nel 2013 ha modificato il regolamento edilizio, rendendo possibile adibire i locali interrati a sale congressi, discoteche, centri attrezzati per lo sport, fitness, centri benessere, svago e simili. E’ chiaro che quando gli amministratori hanno modificato il regolamento edilizio non pensavano a quanto potesse essere pericolosa l’acqua. Adesso si sa. Qualcuno di buona volontà si incarichi di evitare rischi futuri ristabilendo regole edilizie sensate” – chiosa Monteferrante, il quale rimarca le critiche che critiche in tal senso sono state rivolte anche da autorevoli esponenti del centrodestra. E’ il caso del consigliere Nicola Argirò, ex consigliere regionale e leader storico di Forza Italia, che durante uno degli ultimi consigli comunali è uscito dall’aula “per non votare contro la maggioranza”, prendendo le distanze dall’amministrazione comunale e sancendo la spaccatura nella compagine.

Anna Bontempo (il centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.