Banner Top
Banner Top

Quant’è bbell lu primm’ ammor, uno spettacolo esilarante

Intrighi e gag che si reggono sulla tradizionale situazione comica della moglie che cerca di provocare la morte del marito per disporre della sua eredità: una trama semplice, ma esilarante quella di Quant’è bbell lu primm’ ammor, spettacolo della compagnia dilettantistica “Che dio c’aiuti”. Sabato è andata in scena la terza replica nel salone parrocchiale della chiesa di San Lorenzo. La partecipazione del pubblico è stata buona, molti gli apprezzamenti sulla recitazione degli attori e sulla comicità delle situazioni presentate. Pensate un po’, non una moglie, ma ben due provano nella difficile impresa di far morire Armando, l’insopportabile e avaro marito. Unico risultato: il tentativo si ritorce contro di loro ed entrambe passano a miglior vita in modi comici, l’unica investita da un autobus, l’altra nell’amplesso amoroso.

  • 20150418_212926[1]
  • 20150418_211757[1]
  • 20150418_210420[1]

Il più grande dispiacere provato da Armando è dover fare due funerali, una morale un po’ cinica, ma che fa riflettere.  Le reali protagoniste di questa commedia, infatti, sono l’avarizia e la ghiottoneria. Sicuramente lo scopo di divertirsi e divertire è stato raggiunto dalla compagnia, che non ha nessuna pretesa da attori professionisti, ma è riuscita a creare un gruppo affiatato,che dà spazio ai giovani, come gli interpreti Mario e Michela Cillii che impersonano i due nipoti della prima moglie, .

Nausica Strever 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.