Banner Top
Banner Top

Fratelli d’Italia chiede a D’Alfonso e C. di fare dietro-front sulla chiusura dei punti nascita

“Il Coordinamento regionale di Fratelli d’Italia-An esprime solidarietà e vicinanza ai cittadini dei comuni di Atri, Ortona, Penne, Sulmona e di quelli limitrofi, che saranno interessati, nelle prossime settimane, dalla chiusura dei punti nascita dei relativi nosocomi; cittadini che non ci stanno a subire sulla propria pelle le scelte sciagurate del duo D’Alfonso – Paolucci, e che in questi giorni stanno ricorrendo a forme di protesta estrema per chiedere la revoca del decreto Commissariale numero 10/2015”. E’ questo l’incipit di una nota con la quale FdI torna sulla questione della chiusura dei punti nascita abruzzesi, confermataa anche nella sua ultima visita a Vasto dall’assessore Paolucci.

“Una scelta, quella della chiusura dei punti nascita – scrive ancora FdI – basata solo sui numeri e finalizzata esclusivamente ad accelerare l’uscita della sanità abruzzese dalla lunga fase commissariale. Una decisione che non tiene assolutamente conto delle distanze spesso notevoli fra l’ospedale hub e l’ospedale spoke, e in particolare ignora la specificità della conformazione geografica soprattutto dell’Abruzzo interno, mettendo in serio pericolo la vita delle madri e dei nascituri. L’Assessore regionale alla Sanità Paolucci, continua a gettare fumo negli occhi parlando di una maggiore sicurezza nel partorire nei punti nascita rimanenti che, a suo dire, verranno potenziati, e trincerandosi dietro astrusi acronimi come ‘Sten’ e ‘Stam’ che altro non sono che semplici ambulanze adibite al trasporto della madre o del nascituro, ignorando che l’effetto immediato di simile scelta sarà un incremento dei parti programmati e quindi di tagli cesarei con il rischio di contravvenire ai principi statuiti dall’Oms. Per tutte queste ragioni, Fratelli d’Italia-An dice ‘no’ al taglio dei quattro punti nascita degli Ospedali di Atri, Ortona, Penne e Sulmona, e chiede con forza che il governatore D’Alfonso revochi il decreto commissariale di soppressione”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.