Banner Top
Banner Top

Vasto, a cani e gatti riservate tre spiagge

Al mare con Fido, ma solo nelle aree demaniali individuate dal Comune. L’accesso alle spiagge di cani e gatti, accompagnati dai proprietari nel rispetto delle norme di sicurezza che prevedono l’uso del guinzaglio o della museruola, è possibile solo in tre punti del litorale vastese: l’arenile ciottoloso di Mottagrossa, nella riserva naturale di Punta Aderci, il tratto a sud della foce del torrente Lebba e la spiaggia libera vicino alla statua della Bagnante, a nord della costa. In queste tre zone è possibile accedere con l’inseparabile amico a quattro zampe, senza il rischio di ingaggiare inutili discussioni con il vicino d’ombrellone.

Chi sceglierà quei lidi, infatti, saprà, grazie all’installazione di apposita cartellonistica, che tra i bagnanti presenti sul bagnasciuga potrà trovare anche Fido. Lo stabilisce un atto di indirizzo della giunta comunale che ha anche individuato le spiagge dove è assolutamente vietato accedere con gli animali da affezione per salvaguardare la flora e la fauna e soprattutto l’ecosistema dunale ricompreso nelle aree sottoposte a normativa comunitaria: aree Sic (Siti di interesse comunitario), riserva naturale e zone di particolare interesse ambientale. Le spiagge, che per le loro peculiarità, devono essere off limits per cani e gatti sono il tratto a sud del lungomare Duca degli Abruzzi (area eventi), l’area Sic della Marina, la zona pontile, le scogliere di località Trave e Vignola, le spiagge di Punta Penna, Libertini e Punta Aderci nella omonima riserva naturale.

Grande attenzione anche al Fratino, il piccolo uccello diventato simbolo del parco costiero, che nidifica tra le dune e la tipica vegetazione dunale. Anche quest’anno l’ordinanza balneare della Regione detta delle prescrizioni a tutela della specie ornitologica protetta da leggi e direttive comunitarie. «Il fratino nidifica da marzo a luglio in tutte le spiagge abruzzesi, da Martinsicuro a San Salvo», ricorda Claudio Allegrino, coordinatore guardie volontarie Wwf, «le aree oggetto di nidificazione vengono segnalate con gabbiette e delimitazioni, tutti sistemi rimovibili dopo l’uso, previo anche accordo con i gestori balneari, ove necessario. Le amministrazioni comunali devono vigilare affinchè nelle operazioni di livellamento e allestimento delle aree in concessione balneare e delle spiagge libere si presti la massima attenzione e si eviti l’uso di mezzi meccanici», conclude Allegrino.

 Anna Bontempo (il centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.