Banner Top
Banner Top

Turismo, Smargiassi (M5S) sollecita l’assessore Mazzocca sul controllo della qualità delle acque

La qualità delle acque di balneazione rappresenta un obbligo per le località turistiche marittime e Vasto non sfugge certamente a questa regola, visti anche i 16 chilometri circa di costa variegata. Sul tema, sempre scottante, è intervenuto il consigliere regionale Pietro Smargiassi con una sollecitazione all’assessore regionale all’Ambiente Mario Mazzocca, partendo dai presupposti che “mancano tre mesi all’inizio della stagione estiva e per una città come Vasto il turismo balneare è fondamentale. La costa vastese vanta una delle più belle spiagge d’Italia e una riserva naturale, quella di Punta Penna, tristemente nota anche per lo spiaggiamento dei capodogli”.

“Ad agosto 2014 – ricorda l’esponente del Movimento 5 Stelle – ho presentato all’assessore Mazzocca una interpellanza, poi discussa a settembre, sullo stato di salute delle acque balneari del litorale vastese, anche a seguito dell’intossicazione di un bambino a causa della presenza di batteri fecali quali Escherichia Coli, Streptococchi fecali ed enterococchi, come è risultato dall’esecuzione delle analisi nella zona di San Tommaso in cui è accaduto l’episodio.

L’Assessore si è dimostrato disponibile durante la risposta all’interpellanza e si è impegnato nel trovare una soluzione al problema delle rilevazioni dei campioni. Questo si rende necessario perché, per legge, solo determinate zone vengono sottoposte a controllo (nel litorale vastese sono 12 i punti), ad esempio i canali di sbocco a valle di depuratori, ma esistono canali naturali nei quali viene sversata qualsiasi sostanza senza possibilità, al momento, di sapere la dannosità delle stesse e la pericolosità per ambiente e cittadinanza”.

Dunque, Smargiassi chiede lumi all’assessore per “sapere a che punto siano i controlli dell’ARTA, se ci siano fondi disponibili per effettuarli e se provvederà, come suggerito durante l’interpellanza, ad autorizzare i controlli in ogni punto di sbocco di canali, non solo artificiali, ma anche naturali.

In quanto delegato al servizio idrico integrato, l’Assessore ha affermato di aver provveduto all’approvazione di un investimento di circa cinque milioni di euro su impianti depurativi dell’intera Regione, quindi anche quelli afferenti ai bacini del litorale vastese. Questi fondi sono solo stati approvati o anche stanziati ed utilizzati?

Attendo una risposta e gradirei che, almeno per una volta, non si trattasse della solita promessa a 60 giorni (vedi Palazzo d’Avalos) o 120 giorni (vedi casa fantasma della salute a Celenza)”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.