Banner Top
Banner Top

Viteliù. Il nome della libertà: Mastronardi racconta ai ragazzi il suo libro

Stamattina per il penultimo appuntamento delle Giornate Umanistiche svoltesi presso l’auditorium del Liceo artistico, ospite d’eccezione è stato Nicola Mastronardi, giornalista e collaboratore di Linea Verde Rai 1. Davanti a un pubblico gremito di alunni della scuole secondarie di primo e secondo grado, il giornalista  ha parlato con grande carisma del suo romanzo storico “Viteliù. Il nome della libertà”. L’autore ha mescolato sapientemente piccole pillole di svariate leggende sul’origine del nome Italia e sulla nascita del convivio. Prima ha domandato ai ragazzi se conoscessero l’etimologia della denominazione del nome Italia; uno dei più coraggiosi ha dato una risposta che molti probabilmente ignorano: le origini sono italiche. Secondo una delle svariate tradizioni sorte su quest’argomento, infatti, Italia deriva dal vocabolo osco Viteliù,  che significa “terra dei vitelli”,con riferimento agli allevamenti di questi animali che esistevano in Italia meridionale.”Viteliù”,  poi, sarebbe stato tradotto dai romani in Italia. Un’altra leggenda alternativa, ma che ha punti di contatto sempre con i popoli pre-romani che è stata narrata dall’autore e che unisce la storia propriamente detta e la cultura del cibo è quella che fa derivare l’etimologia del nome da Italo, re proveniente dall’Asia Minore, che  conquistò una parte dell’Italia meridionale, comprendente quasi tutta la Calabria, i cui confini erano ad oriente il golfo di Squillace e a occidente il golfo di Sant’Eufemia; in quest’area rese stanziario il popolo italico degli Enotri, prima nomade. La denominazione parziale di Italia, si estese poi a tutta la penisola. Italo, ha raccontato Mastronardi, è stato anche il primo inventore del sissizio, termine greco per indicare il convivio: durante il banchetto risolveva i problemi politici del suo territorio. Dopo questa prima breve parte di spiegazione frontale del libro, la conferenza ha preso la piega di un confronto diretto con i ragazzi; le classi V A e V B del liceo Classico, accompagnate dalla professoressa Di Cicco, sono state protagoniste di un gioco di domande e risposte sul romanzo, sulla scorta di quelli realizzati al programma televisivo “Per un pugno di libri”. Durante il gioco, condotto da Mastronardi, sono emersi dettagli importanti sulla trama del libro, tutta incentrata sulla scoperta della vera identità del giovane protagonista Marzio e sulle tecniche di scrittura per rendere accattivante un romanzo che il nostro autore ha generosamente reso note ai ragazzi. Proprio per la narrazione della crescita professionale del protagonista, il romanzo storico “Viteliù.Il nome della libertà” può essere anche considerato un romanzo di formazione; è già stato adottato, infatti, da ben 10 istituti d’istruzione superiori come libro di lettura. Il romanzo contiene anche una straordinaria descrizione paesaggistica della nostra regione vista attraverso gli occhi del protagonista Marzio alla scoperta delle sue origini sannite: il ragazzo parte da Roma, attraversa il basso Lazio e Trevi, e poi, superando un valico, giunge nel Fucino che all’epoca dell’ambientazione del romanzo (il periodo della guerra sociale dei Romani contro gli italici), era ancora un lago, scopre altri luoghi che corrispondono alle attuali località di Lupo dei Marsi e Cocullo, attraversa la Majella, la Valle dei Peligni e la Valle del Sangro, per poi giungere nell’alto Molise. Mastronardi ha anche avuto il coraggio di confrontarsi con i ragazzi sul gradimento del romanzo: gli interpellati hanno offerto tutti feedback positivi.

Nausica Strever

  • IMG_9642
  • IMG_9649
  • IMG_9646
  • IMG_9635
  • IMG_9634
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.