Banner Top
Banner Top

Scerni: la cittadinanza onoraria conferita a don Mario D’Ippolito

È stato un evento molto sentito e partecipato quello vissuto ieri nel corso del Consiglio comunale di Scerni convocato in seduta straordinaria per conferire la cittadinanza onoraria a don Mario D’Ippolito, che ha retto la parrocchia di San Panfilo per ben 48 anni, da quando, il 7 febbraio del 1965, il vescovo S. E. Mons. Giovanni Bosio gli affidò la guida pastorale della parrocchia scernese.

Una missione portata avanti fino al 12 ottobre 2013 e che ne ha fattogli essere un sacerdote molto amato e stimato nella comunità locale e nel territorio del Vastese.

Ieri don Mario, nato a Pollutri l’11 giugno 1932 ed ordinato sacerdote il 29 giugno 1957 per assolvere i suoi primi impegni a Vasto, ha avuto il riconoscimento ufficiale dell’impegno profuso per la comunità alla presenza di molti cittadini, ex sindaci e dei suoi parenti.

Sono stati il primo cittadino di Scerni, Giuseppe Pomponio, e il presidente del Consiglio comunale, Nadia De Risio, a ricordare l’opera e le qualità del parroco e a conferirgli la cittadinanza onoraria “In segno di alta considerazione e riconoscenza per l’intensa attività umana, sociale e morale a sostegno della comunità Scernese, svolta in cinquanta anni di presenza nel nostro Paese e per l’encomiabile esempio ispirato ai fondamentali valori umani di solidarietà, amore e aiuto al prossimo dimostrato nella Sua preziosa missione pastorale”.

L. S.

  • DSC_6519
  • DSC_6521
  • DSC_6525
  • DSC_6527
  • DSC_6541
  • DSC_6593
  • DSC_6608
  • DSC_6619
  • DSC_6632
  • DSC_6651
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.