Banner Top
Banner Top

Nel prossimo Consiglio comunale di Vasto si discuterà anche della questione sicurezza

I numerosi episodi di criminalità che si stanno ripetendo con preoccupante ascesa (vedasi i continui furti soprattutto nei boxes o gli incendi di autovetture) hanno rilanciato il problema del controllo della delinquenza nel territorio vastese.

Sulla questione, proprio quest’oggi è stato protocollato un Ordine del Giorno che verrà presentato nel prossimo Consiglio comunale. Primo firmatario del documento è il capogruppo dell’Udc nell’Aula Vennitti Massimiliano Montemurro che ha trovato il sostegno anche di Francesco Paolo D’Adamo, Mario Della Porta, Guido Giangiacomo e Antonio Monteodorisio.

Nel documento si fa leva anche sui recenti episodi criminosi per invitare

“i rappresentanti eletti alla provincia di Chieti, alla Camera dei Deputati ed al Senato della Repubblica a sostenere e supportare la richiesta già avanzata con questo ordine del giorno ad ottenere l’invio sul territorio del Comune di Vasto di ulteriori uomini e mezzi, al fine di tutelare e garantire la sicurezza e monitorare lo stato dei luoghi”.

Inoltre si chiede l’impegno dell’Amministrazione:
“1. all’approvazione del progetto “controllo del vicinato”, avviando una campagna di sensibilizzazione promuovendo la sicurezza urbana attraverso la solidarietà tra i cittadini tenendo presente che quest’ordine del giorno non deve rappresentare un punto di arrivo ma di partenza per l’avvio di un progetto di sicurezza più ampio partecipato tra cittadini e forze dell’ordine
2. alla costituzione di un tavolo permanente, coordinato dalla Prefettura, tra amministratori locali, forze di polizia e rappresentanti delle associazioni di categoria per elaborare un progetto di sicurezza partecipata in grado di prevenire e contrastare l’aumento dei fenomeni di microcriminalità, con particolare riferimento ai furti nelle abitazioni e negli esercizi commerciali;
3. a richiedere al Governo un incremento della pianta organica a disposizione delle Forze dell’Ordine ed un incremento di disponibilità finanziarie, automezzi ed attrezzature necessari nell’opera quotidiana di prevenzione e repressione dei crimini;
4. a sollecitare le istituzioni interessati al procedimento autorizzatorio del progetto di videosorveglianza, al fine di accelerare il rilascio dei nulla osta necessari all’istallazione degli impianti;
5. compatibilmente alle esigenze di bilancio ed ai fondi destinati alla manutenzione ordinaria, a rendere maggiormente efficaci le illuminazioni pubbliche nelle zone della città”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.