Banner Top
Banner Top

La Regione assume 14 Co.co.co., ma solo 10 i giorni per presentare la candidatura

Scoppia una nuova querelle a Palazzo Silone, dopo che il presidente della Commissione Vigilanza della Regione Abruzzo, Mauro Febbo, ha scovato una procedura selettiva per l’assunzione di 14 figure con contratto Co.co.co.
“Il Presidente D’Alfonso lavora assiduamente e si sforza quotidianamente per abituarci ad una ‘nuova’ istituzione veloce, facile e trasparente con comunicati, lettere, diari di bordo dei suoi appuntamenti, post e autoritratti giornalieri su Facebook ma a quanto pare, quando ci sono questioni che riguardano forse solo una ristretta cerchia di “privilegiati”, come l’ultimo avviso pubblico della Regione Abruzzo per l’assunzione di quattordici figure professionali con contratto Co.co.co, le regole vanno a farsi benedire”. Questo il commento del presidente di Febbo che parla di un bando ben “nascosto” sul sito istituzionale dove ci sono solo dieci giorni (!!!) di tempo per produrre le domande con scadenza il prossimo 22 febbrario. www.regione.abruzzo.it/concorsi/index.asp?modello=presBandiConc&servizio=LLL&stileDiv=sequence&template=default&msv=concorsi1–)
“Presenterò questa mattina – spiega Mauro Febbo – una risoluzione urgente per capire se sono state rispettate tutte le regole giuridiche, le procedure interne e le norme della trasparenza per la selezione pubblica delle figure richieste visto che sul Bura (Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo) non vi è nessuna traccia del bando di concorso, quindi non si conosce la Determina dirigenziale di merito, nessuna news o pubblicazione visiva sulla home page della Regione e questa volta nessun post su Facebook da parte sia del Presidente D’Alfonso sia dei suoi solerti assessori. Ma ne sono a conoscenza ??? Credo quindi che ci siano tutti i presupposti per intuire che un avviso pubblico con solo dieci giorni di tempo, “nascosto” sul sito ufficiale, possa essere definito una vera e propria sveltina alla faccia della Casa di Vetro come amabilmente piace a D’Alfonso descrivere la ‘sua’ regione. Un atto riprovevole e vergognoso che non rispetta le regole e le norme della trasparenza. Chiaramente chiederò, inoltre, il prolungamento dei tempi di presentazione delle domande.
“Inoltre – continua il Consigliere di Forza Italia – negli ultimi mesi abbiamo sentito svariate volte, ed in maniera spesso nauseante, da parte del Presidente, che l’Ente Regione ha troppi dipendenti e quindi era necessario attivare strumenti necessari affinché si potesse trasferirne alcuni presso altri enti pubblici, mentre oggi si scopre che D’Alfonso in maniera veloce richiede 14 figure a progetto da inserire nella macchina regionale. Tra l’altro figure già presenti all’interno della struttura e soprattutto con curricula esistenti presso la Direzione Agricoltura, come ha sostenuto nell’ultimo consiglio Regionale, o presso Enti strumentali vari, messi in liquidazione, a cui si assicura un futuro ma non si capisce come e quando”.
“Sarà mia premura pertanto – si legge nella risoluzione urgente – capire giuridicamente se questo avviso ha rispettato le norme previste dal nostro regolamento se, tra l’altro, questa selezione pubblica rientra tra le competenze del Segretario generale della presidenza Cristina Gerardis e se n’è a conoscenza e pertanto chiederò la sospensione dell’Avviso finché non siano state fatte tutte le dovute verifiche”

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.