Banner Top
Banner Top

Pavimentazione danneggiata in piazza San Pietro, il comune chiederà i danni

piazza san pietro - 4Una cosa sembra chiara: il sindaco di Vasto, Luciano Lapenna, non ha nessuna intenzione di utilizzare risorse pubbliche per rimediare ai danni causati da un mezzo pesante in piazza San Pietro, proprio a ridosso di via Adriatica, tutta zona pedonale. Le ipotesi, infatti, sono due: o il mezzo ha transitato in zona pedonale illecitamente, e allora l’amministrazione comunale si rivolgerà al responsabile del mezzo, oppure qualcuno lo ha autorizzato e sarà allora quest’ultimo a pagare.
Come comunicato dagli stessi uffici comunali, infatti, “il sindaco di Vasto ha chiesto al Comandante dei Vigili Urbani di accertare ogni tipo di responsabilità legata al grave danneggiamento urbano. Dapprima, facendo chiarezza se il mezzo pesante, responsabile del danneggiamento, fosse stato in qualche modo autorizzato al transito dalla Polizia Municipale e in caso affermativo risalire a chi materialmente ha concesso l’autorizzazione al transito e alla sosta, ciò al fine di poter chiedere allo stesso il risarcimento del danno subito dalla Città e avviare regolare iter disciplinare affinché questo genere di negligenze non si abbia più a ripetere”.
Insomma, in caso il mezzo sia stato autorizzato, saranno gli stessi Vigili a pagare, sia in termini di risarcimento che in termini disciplinari. Un’indicazione che certamente non porterà serenità nei rapporti già burrascosi tra amministrazione e Polizia municipale.

  • piazza san pietro - 2
  • piazza san pietro - 4
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.