Banner Top
Banner Top

I candidati del M5S in piazza Pudente

incontro-m5s - 07Nuovo appuntamento per il Movimento 5 Stelle ieri mattina in piazza Pudente a Vasto, al quale hanno partecipato alcuni candidati alle europee e alle regionali. Presenti insieme agli attivisti vastesi, Maria Ipri, di Portici, e Paolo Angelini, di Giulianova, entrambi candidati nella circoscrizione meridionale per le europee, e Pietro Smargiassi e Rema De Camillis, candidati alle regionali.
A fare gli onori di casa, il senatore Gianluca Castaldi, che ha introdotto gli interventi dei candidati, insieme all’onorevole Andrea Colletti. “In Parlamento – ha accusato il senatore vastese – si fanno le leggi per le lobby, non per i cittadini. Dicono che la nostra presenza è inutile, ma le nostre proposte di legge vengono affossate e rimangono chiuse nei cassetti, perché se venissero discusse in Aula, centrodestra e centrosinistra dovrebbero esporsi su temi per cui ai cittadini dicono una cosa, ma poi ne fanno un’altra”.
L’invito, perciò, a fronte delle ripetute critiche ai mass media che non farebbero il proprio dovere, dando spazio alle “bugie della casta”, è quello di sempre: “Informatevi e controllate quello che fanno i parlamentari e controllate anche noi; non fidatevi nemmeno di quello che dico io, ma verificate sempre tutto”.
A seguire l’intervento di Pietro Smargiassi, che ha spiegato i motivi della sua candidatura: “Nonostante i miei 45 anni – ha sottolineato il candidato alle regionali del M5S – continuo a stupirmi che durante una partita di calcio le istituzioni trattino con Genny ‘a carogna per l’ordine pubblico; mi stupisco quando lo Stato finisce in galera, come nel caso di Scajola, che essendo stato più volte ministro, lo Stato lo rappresenta. E continuo a stupirmi quando Regione e Provincia dicono che non ci sono soldi per fare niente, ma poi la Regione stanzia 40mila euro di buonuscita per ogni consigliere regionale e la Provincia trova 110mila euro per la fiera di Lanciano. Basta farci prendere in giro in questo modo, mandiamoli tutti a casa!”.
Rema De Camillis ha poi chiuso gli interventi dei candidati alle regionali, per dar spazio a quelli delle europee, Maria Ipri e Paolo Angelini. Quest’ultimo ha voluto stigmatizzare l’episodio del giovane attivista del Movimento aggredito a Giulianova durante un evento organizzato dal Pd, per aver esposto un cartello ironico su D’Alfonso: “Dicono a noi che siamo fascisti e poi aggrediscono un ragazzo di 21 anni per un cartello”.

  • incontro-m5s - 07
  • incontro-m5s - 12
  • incontro-m5s - 09
  • incontro-m5s - 17
  • incontro-m5s - 18
  • incontro-m5s - 25
  • incontro-m5s - 29
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.