Un premio per gli anziani che si sono distinti nella pratica e conservazione delle tradizioni

Adorino Graziani
Adorino Graziani

Assegnati i premi della terza edizione del premio “Medaglia dorata: una vita per la tradizione”, conferiti dal Centro di Antropologia Territoriale dell’Abruzzo per il Turismo (C.A.T.A.) dell’Università d’Annunzio, in collaborazione con la Cna di Chieti. I riconoscimenti, per il 2014, sono andati, ex aequo, al liutaio ortonese Salvatore Valentinetti e Adorino Graziani, suonatore tradizionale in Scafa. Il premio viene consegnato ad anziani che si sono distinti nella pratica, conservazione e insegnamento di una attività tradizionale materiale o immateriale. La cerimonia di consegna dei premi, cui prenderanno parte, in abito tradizionale, le associazioni “Camminando Insieme” e “Lu Ramajette” di Chieti, si terrà il 12 maggio prossimo, lunedì, nell’auditorium del Rettorato nuovo dell’Ateneo alle ore 10; saranno presenti il Rettore della d’Annunzio, i Sindaci di Chieti, Ortona e Scafa. Ad animare l’incontro, le esibizioni dell’orchestra giovanile della scuola Chiarini, diretta da Paolo Angelucci, dal corpo di ballo del liceo Coreutico Vico di Chieti (diretto da Luigi Linardi) e da Sebastian Giovannucci, giovane suonatore di organetto diatonico. La medaglia ricordo è opera dall’orafo Italo Lupo, presidente regionale della Cna Abruzzo, sarà consegnata ai vincitori dal direttore del CATA, Francesco Stoppa, e dal direttore della Cna di Chieti, Letizia Scastiglia.

Nella motivazione per l’assegnazione del premio a Valentinetti, nato nel 1927, si legge tra l’altro che «è una personalità di assoluto valore in quel mondo di eccellenze creative che è l’artigianato artistico. In più il fatto di costruire strumenti musicali, per i quali competenze tecniche e ingegno sono indissolubilmente legati, rafforzano l’aspetto di originalità del lavoro di una vita. È dalla sua biografia che si comprende la scelta di dedicarsi alla liuteria: egli ha infatti vissuto dai primi anni frequentando la musica, come violinista, e la bottega di ebanisti di una vera e propria dinastia di storici artigiani e artisti. L’omonimo nonno raffinato lavoratore del legno, il padre organista ed ebanista, lo portarono naturalmente a servire i due mondi che nell’arte liutaria s’incontrano. I suoi strumenti provengono originariamente da questa doppia vocazione, ma sono il frutto di anni di studio e di applicazione penetrando tutti i segreti di questa straordinaria tradizione italiana». Quanto a Graziani (classe 1934), la giuria afferma che «suonatore di “ddu botte” sin dall’infanzia, ha appreso la tecnica tradizionale per imitazione dagli anziani di Roccamontepiano. In seguito si è dedicato alla ricerca ed alla esecuzione di musiche tradizionali abruzzesi di balli e canti, ha sempre curato nel contempo la trasmissione del sapere tradizionale e delle tecniche alle nuove generazioni, evitando in particolar modo le spinte della corruzione da parte di mode e novità commerciali; è attualmente depositario di conoscenza di sicuro rilievo nel campo della musica tradizionale.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.