Banner Top
Banner Top

MotoGP: a Losail Iannone si conferma il migliore delle Ducati

Andrea IannoneÈ un Andrea Iannone soddisfattissimo quello che si appresta nel pomeriggio qatariano di Losail ad affrontare le prime prove ufficiali del 2014 nel mondiale della MotoGP. Il pilota vastese nelle sessioni di libere ha dimostrato di aver messo a posto i danni fisici che lo hanno attanagliato nel corso di quasi tutta la passata stagione, ma, soprattutto, sembra aver trovato quel feeling con la moto, anche quest’anno gestita dal team Pramac, che nel 2013 era mancato.

“La Desmosedici ora è più bilanciata rispetto alle altre moto – ha detto Iannone, al termine della prima giornata di libere – riusciamo anche a divertirci e possiamo pensare a fare qualcosa di meglio”. Ed, infatti, ha chiuso la giornata di ieri con un ottimo secondo posto fermando il cronometro su un buon 1’55”186 che gli è valsa la seconda posizione dietro un sorprendente Aleix Espargaro 413 millesimi davanti al vastese. Durante la seconda sessione di prove libere Iannone e il suo team hanno portato avanti il lavoro di conoscenza della gomma morbida, che nella terza sessione, caratterizzata da un forte vento, ha dato i suoi frutti sul giro secco.

Andrea è stato ancora una volta il migliore delle Ducati, cosa che è accaduta spesso nel corso dei test invernali e che lancia buoni auspici per questo 2014 che potrebbe mettere ancora in luce la sua stella talentuosa.

“Sono molto contento di come è andata oggi – ha dichiarato il ducatista – non mi sarei mai aspettato di andare così bene. Sicuramente è anche merito di tutti i ragazzi che quest’inverno hanno lavorato a casa. Sono felice di essere riuscito a sfruttare quasi al cento per cento la mia moto. Dobbiamo ancora continuare a lavorare per migliorare piccole cose sulla moto per far si che io riesca a guidare meglio in gara. Ringrazio tutto il team per il lavoro fatto fino a qui e voglio ringraziare nuovamente la Ducati per tutto il supporto che mi da.”

Oggi nel tardo pomeriggio le prove ufficiali che riporteranno avanti certamente i big Marquez, Lorenzo, Pedrosa e Rossi, ma l’impressione è che il gap tra loro e soprattutto le Ducati possa essersi assottigliato. Dobbiamo, però, aspettare almeno le prime tornate per capire se ciò sia vero.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.