Banner Top
Banner Top

Primarie di Fratelli d’Italia, si vota fino alle 18

Sono iniziate ieri mattina alle 9 e finiranno alle 18 di oggi pomeriggio le operazioni di voto per le primarie di Fratelli d’Italia, in piazza Diomede a Vasto, per raccogliere le indicazioni degli elettori di centrodestra e tutti i cittadini circa la nomina dei delegati al congresso nazionale (in lizza Marco di Michele Marisi ed Etelwardo Sigismondi) che dovranno scegliere il presidente, il simbolo del partito e determinati punti di programma, tra cui l’elezione diretta del Presidente del Consiglio e l’utilizzo delle primarie anche per scegliere il leader candidato premier.
primarie-fratelli d'italia - 14 - di michele marisi“Sono le prime primarie nel centrodestra in Italia – ha sottolineato ieri mattina Marco di Michele Marisi – e i cittadini stanno rispondendo bene a questa chiamata alle urne; nel momento in cui il voto sembra essere diventato qualcosa di antipatico e si registra un grande scollamento tra politica e cittadini, per via di governi che si succedono senza la legittimazione del voto popolare e di leggi elettorali che prevedono liste bloccate, noi rispondiamo chiamando alle nostre urne i cittadini”.
“Oggi – ha invece sottolineato Sigismondi – non solo diamo vita a una grande festa della partecipazione popolare che si celebra in tutta Italia, ma – come primo partito del centrodestra a utilizzare questo strumento – finalmente rompiamo un tabù che per troppi anni ci ha tenuto lontano da questo tipo di consultazioni, che invece sono un valido strumento di partecipazione. FdI è nata per una divisione interna al Pdl, anche perché abbiamo contestato a Berlusconi di aver prima indetto le primarie e poi averle ritirate senza passare attraverso nessun organo di partito; noi abbiamo mantenuto fede all’impegno nato da quell’esigenza, ed eccoci in piazza a dar vita a questo importante appuntamento”.
Un appuntamento che per Sigismondi in futuro è opportuno ripetere anche in ambito amministrativo e regionale: “Ritengo che le primarie-fratelli d'italia - 11 - sigismondiprimarie siano un importante strumento per individuare anche il candidato sindaco alle prossime amministrative, ma non lo dico da oggi; il giorno stesso in cui è uscito il dato elettorale delle scorse comunali ho sottolineato che con il voto i cittadini comunicano qualcosa alla classe politica, e in quella occasione hanno comunicato il loro disappunto nei confronti delle scelte delle segreterie di partito, che hanno agito attraverso logiche lontane dalla gente, appartenenti a un vecchio modo di fare politica. Le primarie vanno quindi promosse prima del primo turno, per evitare quelle affannose alleanze che scontentano sempre qualcuno. Quindi sì alle primarie a livello amministrativo e ritengo che potrebbero essere utili anche a livello regionale; in questa situazione che si è venuta a creare è giusto che il centrodestra non dia nulla per scontato e intraprenda una campagna elettorale sui contenuti, ma anche per vedere chi dev’essere il candidato presidente: una candidatura di Gianni Chiodi che passasse attraverso le primarie non potrebbe che rafforzare la sua posizione; una prova lampante di questo meccanismo l’abbiamo avuta a Vasto, dove il sindaco Lapenna ha rafforzato la sua posizione all’interno del centrosinistra proprio passando dalle primarie”.
Sigismondi ha anche tenuto a precisare che la sua posizione non mette in discussione la figura politica dell’attuale presidente della Regione Abruzzo, “ma se fossi Gianni Chiodi, sarei io stesso a chiedere le primarie, proprio contro quei ‘falchi’ che in qualche modo lo mettono in discussione. Per tutto il lavoro che ha fatto è una sfida che potrebbe lanciare a tutto il popolo del centrodestra e Fratelli d’Italia sarebbe pronta a raccoglierla, considerato che fortunatamente siamo un partito piccolo, ma destinato a crescere, sia perché rappresentiamo l’avanguardia per quanto riguarda i programmi, infatti tutto ciò che dice FdI dopo qualche tempo viene scopiazzato da tutto il centrodestra, e sia perché abbiamo amministratori quotati su tutto il territorio, basti pensare al vicepresidente della Provincia di Chieti, ai numerosi amministratori comunali – tra cui il presidente del Consiglio comunale di Chieti -, senza contare che abbiamo un assessore e due consiglieri regionali, quindi abbiamo persone qualificate anche per iniziare eventualmente a ragionare di nostre candidature; sempre però per far crescere il centrodestra e battere il centrosinistra, che quando è stato al governo regionale ha deluso profondamente, anche negli stessi settori, come quello sanitario, su cui oggi attaccano”.

n.l.

  • primarie-fratelli d'italia - 03
  • primarie-fratelli d'italia - 14 - di michele marisi
  • primarie-fratelli d'italia - 11 - sigismondi
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.