Banner Top
Banner Top

Agricoltura, pioggia di milioni per la regione Abruzzo

Sono 432 milioni di euro i fondi a disposizione per l’agricoltura abruzzese per il quinquennio 2014-2020, 50 milioni di euro in più rispetto alla dotazione della precedente programmazione che era di 383 milioni: è questo  l’ottimo risultato ottenuto dall’Abruzzo in occasione del riparto, approvato ieri a Roma, per la nuova Pac-Politica Agricola Comunitaria secondo pilastro.

“Il risultato conseguito ieri – ha spiegato  l’Assessore regionale alle Politiche Agricole, Mauro Febbo –  è il frutto del proficuo lavoro portato avanti dalla Giunta Chiodi che ha messo in evidenza le capacità, da parte della Regione Abruzzo, di programmazione, progettazione e rendicontazione. L’Abruzzo è riuscito a far pesare la nuova posizione acquisita in questi anni nel corso dei quali ha ricoperto il ruolo di coordinamento della cabina di regia permanente degli Assessori all’Agricoltura delle Regioni meridionali, è stato inserito tra le Regioni di transizione ma, soprattutto, è riuscito a scrollarsi di dosso tutte le criticità del passato (e l’appellativo di Regione Cenerentola) a cominciare proprio dalla capacità di spesa.

È proprio il Ministero delle Politiche agricole a mettere in evidenza, nella relazione che accompagna la ripartizione “che l’incremento di spesa pubblica per l’Abruzzo è del 4,85% rispetto alla programmazione 2007-2013, mentre per le altre regioni Convergenza e Transizione è dell’ 1,25 %”. “Inoltre – sottolinea con forza l’assessore Febbo – rispetto all’ultima proposta del Ministero che assegnava all’Abruzzo 423 milioni, pari al 2,28%, imponendo una quota regionale per 71.114.400 di euro, con la ripartizione ufficializzata ieri non solo siamo riusciti ad incrementare di 10 milioni la spesa pubblica totale (432 milioni di euro) ma abbiamo ottenuto la riduzione della parte spettante alla Regione che è stata portata a 67 milioni di euro: questo si traduce in un risparmio per le casse regionale di oltre 3,5 milioni di euro”.

“Il percorso che ci ha portati a questo nuovo ed importante scenario – ha detto Febbo – non è stato certo agevole visto che la trattiva nel mese di dicembre 2013 non andò a buon fine e non si arrivò ad un’approvazione, ma in sede di trattativa siamo riusciti ad ottenere la dotazione finale di 432.806.000 (2,32%). Considerando che a questi fondi andranno a sommarsi tra i 300 e i 350 milioni di quota provata, vuol dire che con la nuova programmazione si immetteranno nel sistema economico regionale (PIL)  qualcosa come 750/800 milioni di euro, solo per il secondo pilastro, mentre sono ancora da definire (entro il 31 marzo) le risorse per il primo pilastro”.

“Inoltre c’è un’ulteriore buona notizia. Sono previsti infatti – ha concluso l’assessore regionale all’Agricoltura – altri  2,2 miliardi per le imprese, dei quali 1,6 miliardi per i piani di gestione del rischio (assicurazioni calamità), 300 milioni per il piano irriguo (Consorzi di Bonifica) e 200 milioni per la biodiversità animale (zootecnia). Sono in programma altri incontri per definire i piani nazionali e anche in quella sede bisognerà lavorare affinché parte di queste risorse possano essere destinate alle imprese abruzzesi in modo da poter un’ulteriore spinta al sistema rurale regionale”.

Positivi i commenti delle organizzazioni professionali. Simone Ciampoli, direttore regionale di Coldiretti, ha detto che “certamente si tratta di un elemento di interesse e grande soddisfazione e da domani inizia il grande lavoro per la scrittura del PSR. Credo che per questo risultato vada dato atto alla Regione, all’Assessore Febbo e al suo staff che si sono mossi bene sui tavoli nazionali. Siamo in una fase importante, in cui si gettano le basi per un futuro di responsabilità ma quantomeno interessante, in cui anche le Organizzazioni daranno il loro contributo”.

Concezio Gasbarro, presidente regionale di Confagricoltura, ha voluto innanzitutto congratularsi “per l’importante risultato ottenuto. Come Confagricoltura siamo sempre a disposizione in vista del lavoro che si dovrà fare nel prossimo futuro. L’auspicio è che le risorse siano destinate a chi vive di agricoltura e che si possa dare spazio all’associazionismo, ai contratti di rete e alle infrastrutture”.

Un richiamo all’unità di intenti  stata la posizione espressa da Domenico Falcone, presidente regionale di Cia, secondo cui “Quella di oggi è una bella giornata per l’agricoltura abruzzese e che ci permette di guardare al futuro con ottimismo. Abbiamo vinto una battaglia ma adesso abbiamo di fronte una guerra: dobbiamo costruire un PSR che in grado di rispondere alle esigenze dell’agricoltura e del mondo rurale, senza contrapposizioni ma con una grande unità di intenti”.

  • 2014_01_16_FEBBO_FONDI_PSR_03
  • 2014_01_16_FEBBO_FONDI_PSR_04
  • WP_005571
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts