Banner Top
Banner Top

Violetta

la-traviataSabato occorre fermare il mondo. A Milano, nel tempio della lirica, c’è Violetta a ricordarci ancora una volta la lotta cruenta tra desiderio e destino, tra ciò che vorremmo e ciò che è. Non è un caso se all’esame di musica in terza media, chiamato a scegliere un’opera tra le tante, non ebbi alcun dubbio e scelsi “La Traviata”. Perché la Signora delle Camelie danza tra la vita e la morte, il dolore e l’amore, perché dice “amami quanto io t’amo” e dice “addio”, perché va incontro a un doppio sacrificio, perché Verdi impiega tutta la sua travolgente bravura per scolpire addosso a questa figura indimenticabile note indimenticabili, che non passeranno dopo che tutti saremo passati. Storia eterna, personaggio eterno, musica eterna. Sono state tante le Violette celebrate e osannate, ma ogni volta si compie nuovamente il prodigio. Violetta è, senza il bisogno di riprodurla, di rappresentarla. Non importa chi la interpreta, se Callas, Tebaldi o Damrau. Verdi è, senza il bisogno di riprodurlo, di rappresentarlo. Non importa chi dirige, se Muti, Abbado o Gatti. “La Traviata” è. Buona “Traviata” a tutti. Sabato niente politica. Che sollievo! Che liberazione!

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts