Banner Top
Banner Top
Banner Top

“Viteliù”, sulle tracce dei Sanniti

Manifesto-viteliùDopo l’ottima accoglienza di critica e pubblico e diverse presentazioni in Italia e anche presso la biblioteca dell’Unione Europea a Bruxelles, arriva a Celenza sul Trigno “Viteliù, il nome della libertà”, l’appassionante romanzo storico che sarà presentato sabato 30 novembre dalle 17 a Celenza sul Trigno, presso la Sala teatro.
All’incontro, organizzato dalla locale Pro loco e patrocinato dal Comune di Celenza sul Trigno e dall’Istituto Comprensivo di Carunchio, parteciperà l’autore dell’opera, Nicola Mastronardi, giornalista e saggista laureato in Scienze politiche; membro dell’Accademia dei Georgofili, Mastronardi è un appassionato studioso delle civiltà semi nomadi dell’Appennino e del Mediterraneo, di storia antica e contemporanea. Tra le sue recenti pubblicazioni, “Gheddafi, la rivoluzione tradita” e “I Giganti verdi – immagini e suggestioni sui tratturi del Molise”.
Con “Viteliù, il nome della libertà”, l’autore esordisce nell’ambito del romanzo storico con un affascinante opera che esplora un mondo lontano nel tempo, ma che rappresenta le radici di molta parte dei territori interni di Abruzzo e Molise: il Sannio. Il romanzo ripropone l’esaltante vicenda di un popolo che ha combattuto strenuamente per difendere la propria cultura, la propria libertà e che ha saputo capire quando è arrivato il momento dell’integrazione e di una più forte aggregazione sociale.
Il libro arriva a Celenza sul Trigno per raccontare anche nell’Alto Vastese una storia delle origini, nell’intento non tanto sottinteso, di incoraggiare una riaggregazione territoriale che restituisca speranze di sviluppo ad un territorio che conosce da anni abbandono e spopolamento.
La Pro loco ha organizzato l’evento in modo nuovo; non si tratta, infatti, di un convegno nel quale intervengono specialisti della storia o della letteratura; saranno invece i giovani del piccolo centro a leggere e recitare brani significativi del romanzo, nell’intenzione di offrire una significativa sintesi dei contenuti del romanzo.
Dopo i saluti della vicepresidente della Pro loco “Coelentia” Marina Antenucci, l’introduzione dell’insegnante Maria Antonietta Sabetta, e l’intervento dell’autore del romanzo, infatti, spazio alle letture dei giovani; protagonisti di questo spazio saranno Alessandro Antenucci, Alessia Antenucci, Greta Antenucci, Dalila Aquilano, Daniela Aquilano, Emanuele Coppola, Francesco D’Ambrosio, Alessia Di Zillo, Sara Felice, Giordano Gaspari, Silvia Piccoli, Greta Pollace e Luciano Spalletta, con la presentazione di Miriam Di Pardo e la partecipazione di Martina Felice che avrà il ruolo di cronista.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts