Banner Top
Banner Top

Smantellato un importante centro della droga tra Vasto e San Salvo

operazione-car wash - 10Imponente operazione dei Carabinieri della Compagnia di Vasto diretta dal maggiore Giancarlo Vitiello e del Comando provinciale diretto dal colonnello Salvatore Ronzo scattata questa mattina tra Vasto e San Salvo. A finire in manette per associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di stupefacenti, ben 10 persone, tutte domiciliate tra Vasto e San Salvo. L’operazione ha coinvolto 60 uomini, tra quelli della Compagnia di Vasto e del Comando di Chieti, e due unità cinofile. Coinvolto nell’operazione anche il Comando di Modena, poiché uno degli arrestati, il 35enne Andre Florio, al momento non si trovava a Vasto, ma a Modena, appunto. Gli altri arrestati sono Massimiliano Cagnazzo, 42enne originario di Lecce (già in carcere a Pescara, poiché raggiunto da altri provvedimenti) e Alessandro Astro, 32 originario di Napoli, pluripregiudicati ritenuti al vertice dell’organizzazione. In manette anche il vastese di 47 anni Michele Ciccotosto, a cui gli inquirenti imputano il ruolo di anello di collegamento tra i vertici dell’organizzazione e i pusher locali. Insieme a loro, in manette anche Sergio Delle Donne, 40enne, Andrea Florio, 35enne, Mirko Di Giacomo, 31enne, tutti di Vasto; poi Luigi Satalino, 50enne originario di Bari, Giovanni Giuliano, 36enne originario di Napoli e due incensurati, C.G, 21enne di Vasto e D.V.E. 34enne di San Salvo.
L’operazione portata è stata diretta dalla Direzione Distrettuale Antimafia di L’Aquila che ha coordinato le indagini nella persona del dottor David Mancini, a cui sono andati i ringraziamenti del colonnello Ronzo e del maggiore Vitiello.
Come ricostruito stamattina dagli stessi ufficiali, l’operazione è nata dall’attenzione sui movimenti di stupefacenti sul territorio dopo l’arresto, nel novembre del 2011 di un 45enne di Vasto, fermato in Lombardia con 77 chili di marijuana. Da quell’indagine è scaturito un filone indipendente dallo specifico episodio che ha portato agli arresti di questa mattina per un volume di affari di circa 5 chili di stupefacente al mese, in prevalenza eroina, anche se l’organizzazione smerciava anche cocaina, hashish, marijuana e metadone.
L’organizzazione veniva rifornita di stupefacente da un clan albanese di stanza in provincia di Bari che “importava” la droga direttamente dai Balcani.
A seguito delle perquisizioni, sono stati ritrovati anche alcuni walkie tolkie con cui avvenivano i contatti con i trasportatori, al fine di evitare intercettazioni, oltre che a vario materiale utilizzato proprio per trovare cimici e altri sistemi di intercettazione.
“È stata un’operazione importante – ha sottolineato il maggiore Vitiello – perché ha smantellato un’organizzazione che operava sia nel territorio vastese che in altre regioni italiane, in particolare Puglia, Molise e Lombardia. Ringrazio tutta la Compagnia per l’ottimo risultato conseguito e il dottor Mancini della Direzione Distrettuale Antimafia di L’Aquila per il coordinamento che ha portato a un risultato rilevante per una Compagnia di non grandi dimensioni come la nostra”.

n.l.

  • operazione-car wash - 05
  • operazione-car wash - 10
  • operazione-car wash - 07
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts