Banner Top
Banner Top

Rete viaria provinciale, i cittadini dell’Alto Vastese sul piede di guerra

strada-provinciale“Dopo un anno e mezzo dall’evento franoso che ha investito al Km 5 la SP 152, tra Castiglione e Montazzoli, nulla è stato fatto, solo promesse, chiacchiere e prese in giro, con centinaia di migliaia di euro che a rotazione venivano fatti comparire e sparire nel giro di pochi giorni da illusionisti di turno !
La frana sulla SP152 è solo la punta dell’iceberg dello stato di abbandono in cui versa il sistema viario dell’Alto Vastese. Le strade che collegano Castiglione con Schiavi, Fraine, Torrebruna e Montazzoli stanno diventando poco più che mulattiere. Non c’è bisogno di un veggente per prevedere, tra pochi mesi, l’ulteriore interruzione del collegamento con Montazzoli a causa del definitivo crollo del ponte, dopo Sant’Egidio, che si sta sgretolando giorno dopo giorno sotto l’indifferenza di tecnici e politici provinciali. Chi risarcirà i cittadini per un’ulteriore interruzione dell’arteria che tiene in vita i paesi montani?
Abbiamo assistito al piagnisteo ‘a domicilio’ dei nostri governanti sulla mancanza di fondi o alla promessa di ingenti stanziamenti che per incapacità o negligenza sono rimasti chiusi nei cassetti dei ministeri o della Regione. I soldi ci sarebbero ma vengono spesi male: che fine hanno fatto i 627.00 euro stanziati per l’adeguamento della galleria “La civeta”, la più lunga della provincia di Chieti, i cui lavori, che sarebbero dovuti finire a febbraio 2013, sono stati subito interrotti rendendo il transito ancora più pericoloso, con la costante mancanza di illuminazione e con flussi di acqua che sgorgano dalle volte?
È arrivato il momento di dire BASTA !”
Per queste ragioni, un comitato di cittadini dell’Alto Vastese ha annunciato un presidio di protesta per venerdì mattina, dalle 9 alle 13 “sul luogo simbolo del degrado delle strade montane, al Km 5 della SP. 152 per chiedere un impegno concreto al Presidente della Provincia e a tutto il Consiglio, come ultimo atto, prima che avverrà lo svuotamento di tutte le funzioni delle Province, per riuscire a trovare una soluzione definitiva alle criticità del nostro sistema viario”.
“Se invece, sia il Consiglio Provinciale che quello Regionale, ritenessero di non essere in grado o di non voler porre rimedio ad anni di abbandono, – fanno sapere dal comitato – per noi l’unica forma di risarcimento non potrà che essere quella delle dimissioni in massa dei Consiglieri, con le cui indennità riusciremmo sicuramente a tappare qualche buco!”

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts