Banner Top
Banner Top

Iannone undicesimo al Gran Premio di Indianapolis

Andrea Iannone con il casco indossato a Indianapolis, 18 ago 13Undicesimo in griglia di partenza, Andrea Iannone ha chiuso il Gran Premio di Indianapolis con lo stesso piazzamento, aggiungendo altri cinque punti in classifica che, in altri termini, significa che per il pilota di Vasto la stagione è ripresa con fiducia. Segnali di ripresa, dunque, dopo un brutto periodo: “Sono contento per com’è andata – ha commentato Andrea Iannone, facendo riferimento anche alle qualifiche di sabato – e sono sicuro di aver fatto il possibile per restare in gara con l’intento di scalare posizioni in classifica. Mi è dispiaciuto non essere riuscito, ieri (sabato, ndc), a sfruttare al meglio la gomma morbida, ma mi ero ripromesso che dovevo concentrarmi sulla gara, cercando di stare tranquillo, e così è stato”. La stanchezza ha fatto la sua parte nella gara di ieri: “Certo – aggiunge il centauro abruzzese – dopo aver dovuto affrontare tutte le sessioni, utilizzando tutto il corpo per compensare la mancanza di forza del braccio, mi sono sentito davvero stanco e nelle Q2 è stata dura. Non credevo di poter fare tanto; alla fine, però, mi ritengo soddisfatto per com’è andata e per i problemi alla spalla”. Al di là di come è andata in America, è stato certamente bello ed emozionante rivedere Andrea Iannone, dopo un’assenza dal Motomondiale di un mese, tra problemi fisici legati principalmente alla spalla e ai circa venti giorni di stop delle gare come da calendario, al Gran Premio di Indianapolis, decima tappa della stagione della MotoGP. Nonostante il dolore alla spalla destra, insomma, il pilota vastese si è fatto valere nelle qualifiche e in gara, chiudendo, come detto, in undicesima posizione a Indy. È stato il ventenne Marc Marquez ad aggiudicarsi la decima tappa della stagione, entrando ufficialmente nella storia della Top Class: oltre ad aver ottenuto la terza vittoria di fila, dopo quelle ottenute al Sachsenring e a Laguna Seca, infatti, è riuscito anche, unico a farlo, a ottenere l’hat-trick, vincendo le tre gare statunitensi. Il giovane pilota spagnolo della Honda, leader del campionato, ha annientato la concorrenza dei connazionali Dani Pedrosa (Honda) e Jorge Lorenzo (Yamaha), saliti anche loro sul podio. Per ‘Ian 29’, quella di Indy, è stata l’occasione per recuperare una posizione in classifica: ora è tredicesimo a quota 29 punti. Domenica si correrà a Brno per il Gran Premio della Repubblica Ceca.

Michele Del Piano

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts