Banner Top
Banner Top
Banner Top

Fallimento autoporti, politica sotto accusa

autoporto_san_salvoNon poteva essere altrimenti: dopo gli annunci di nuovi investimenti regionali da profondere per la salvaguardia dei quattro autoporti abruzzesi di Roseto, Castellalto, Avezzano e San Salvo non poteva non esserci un’azione legale per verificare il buon operato amministrativo di ben 4 giunte regionali, ovvero quelle di Antonio Falconio (centrosinistra), Giovanni Pace (centrodestra), Ottaviano Del Turco (centrosinistra) e Gianni Chiodi (centrodestra).

La Cna, infatti, ha presentato un esposto-denuncia alla procura generale della magistratura contabile abruzzese perché “accerti se le risorse finanziarie utilizzate siano state correttamente impiegate; se la realizzazione degli autoporti abruzzesi risponda a una effettiva esigenza della logistica regionale e quindi la loro mancata apertura possa configurarsi come un danno per la società abruzzese. Oppure se non sia stato generato un enorme sperpero di danaro pubblico, anche in considerazione del degrado progressivo cui le stesse strutture sono condannate, con la conseguente determinazione di nuovi oneri a carico della collettività”.

Ad annunciare il clamoroso passaggio è Italo Lupo, presidente regionale della Cna, che torna così ad accendere i riflettori dell’opinione pubblica attorno al destino delle quattro strutture dedicate alla logistica e all’autotrasporto, strutture faraoniche, costate alla collettività centinaia di milioni di euro, mai entrate in funzione, fino a diventare preda di un degrado inarrestabile, quando non  utilizzate in modo estemporaneo per gare di ciclismo amatoriale o corse d’auto.

Nell’esposto indirizzato alla procura generale della Corte dei Conti dell’Aquila – il testo è corredato di documenti istituzionali, rassegna stampa, testi di interrogazioni e interpellanze al Consiglio regionale – la Cna ripercorre la storia delle quattro strutture logistiche, soffermandosi tra l’altro sul fallimento delle diverse ipotesi di gestione messe in campo dalla Regione in questi anni. Fallimenti che hanno prodotto, come unico risultato, la chiusura definitiva dei cancelli dei quattro autoporti, da sempre sbarrati ai mezzi pesanti ma già destinati a essere investiti da nuovi finanziamenti, stavolta per sottrarli a un degrado inarrestabile.

“La vicenda degli autoporti – illustra Lupo – chiama in causa, in modo bipartisan, l’attività di quattro diverse giunte regionali, due di centrodestra e due di centrosinistra. Nessuna di loro, in tutti questi anni, è riuscita a mettere in campo una proposta efficace per la loro gestione, fino all’impasse attuale. Abbiamo ritenuto di presentare un esposto alla Corte dei Conti, per capire se una regione in condizioni di crisi come la nostra, con le imprese allo stremo e una fiscalità intollerabile, possa sopportare il peso di altro danaro pubblico da spendere. Ipotesi possibile solo in presenza di una proposta di gestione davvero credibile. Oppure se sugli autoporti fantasma vada detta finalmente una parola di verità agli operatori e all’opinione pubblica, attraverso la voce autorevole della magistratura contabile”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts