Banner Top
Banner Top

Ambulanti abusivi, la Marina è una polveriera

commercio_abusivoÈ una situazione che si aggrava ogni giorno che passa, quella del proliferare dei venditori abusivi sulla passeggiata della Marina, ma, inutile negarlo, anche tra gli ombrelloni e le sdraio. Un focolaio dal quale potrebbe presto divampare un incendio.

Mai visti tanti abusivi tutti insieme, probabilmente anche perché la crisi sta sottraendoli dai lavori nei campi, soprattutto nelle regioni Puglia e Campania, ormai divenuti ricercatissimi e a prezzi stracciati anche da parte degli italiani. Così come non può passare inosservato come stando seduti sotto il sole ogni 3-4 minuti, soprattutto nel week-end, passi qualcuno a importunarti per venderti qualcosa.

Certo, anche gli italiani hanno vissuto le loro migrazioni talora svolgendo lavori umili e magari violando le leggi (ed è bene non dimenticarlo mai) e, quindi, una certa tolleranza verso chi comunque lavora e vive in condizioni deprecabili per dare dignità alla propria famiglia riteniamo debba appartenere a una società civile, ma è altresì vero che il troppo spesso stroppia e la situazione venutasi  a creare non è probabilmente più tollerabile in concomitanza con la peggiore crisi economica dell’ultimo trentennio.

Ormai siamo giunti alla levata di mani per difendere i propri diritti, i propri spazi, la sopravvivenza delle proprie famiglie.

Per ora, lo dicevamo prima, solo insulti, baruffe e occupazione con le auto degli spazi del lungomare Cordella dove normalmente si concentrano più ambulanti abusivi, ma più volte le Forze dell’Ordine hanno avuto a che fare con una tensione che si taglia con il coltello.

Lecita, da parte di quegli operatori che dal 2005 sono stati sfrattati dal centro della Marina e che continuano a pagare regolarmente le tasse, la rivendicazione di una legalità che in questo momento manca e che, visti i numeri degli abusivi, rischia davvero di scrivere la parola fine su molte attività commerciali soprattutto della Marina, ma non solo.

Riteniamo che, come sempre, in medio stat virtus e che legalità e tolleranza vadano ricercate il più rapidamente possibile per evitare una sorte di guerriglia in una stagione già tanto delicata per tanti motivi.

Luigi Spadaccini
(spadaccini.luigi@alice.it)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts