Banner Top
Banner Top

“A tavola senza grane”, dal meeting al web

a tavola senza grane5Si è svolto nel Palaghiaccio di Castiglione Messer Marino il primo meeting “A tavola senza grane”, l’incontro per discutere e fare il punto sul tema delle intolleranze e delle allergie alimentari con gli interventi del dottor Marco Callegaro e il dottor Pietro Nicola Consilvio.
Il dottor Callegaro in apertura ha spiegato le differenze tra l’allergia, che è un problema relativo al sistema immunitario, e l’intolleranza che invece riguarda una reazione gastrointestinale. Ha quindi tratteggiato una panoramica degli alimenti che generano allergie e intolleranze, dal latte alle uova, fino al lievito, al glutine e agli additivi alimentari e infine ha spiegato al pubblico quali sono i principali metodi di accertamento di allergie e intolleranze quali alcuni tipi di test nel caso delle allergie e il metodo dell’eliminazione e del graduale reinserimento nella dieta dell’alimento che si sospetta dia intolleranza.
Il dottor Consilvio, specializzato in immuno-allergologia pediatrica, è invece intervenuto sul panorama delle intolleranze e allergie alimentari nel mondo dei bambini e nel delicatissimo momento dello svezzamento. “È importante una diagnosi precoce – ha sottolineato il dottor Consilvio – ed è fondamentale educare i genitori a una corretta gestione del rischio alimentare”. Il pediatra ha poi fatto un elenco delle variabili dell’allergenicità come ad esempio la cottura, gli allergeni nascosti, le etichettature ‘non trasparenti’ e infine ha sottolineato la necessità dell’inserimento dei cibi in fase di svezzamento, dai 4 ai 6 mesi, spiegando che un ritardo o un anticipo dell’inserimento dei cibi nella dieta di un bambino ne favorisce le allergie alimentari.
Federica Proni, ideatrice insieme a Ivano Boccardi di ‘A tavola senza grane’, ha spiegato come è nata l’idea del meeting e, più in generale, di una comunità che discuta di intolleranze alimentari per vivere meglio: “Io, madre di una bimba intollerante all’uovo ero stanca delle persone che incontrandomi mi dicevano ‘Io grazie a Dio non sono allergica a nulla’ e volevo dedicare a mia figlia le stesse coccole alimentari che si concedono le persone non intolleranti. Abbiamo pensato anche ai celiaci – ha spiegato Federica Proni – che usufruiscono dei buoni erogati dalle Asl di Abruzzo e Molise per acquistare prodotti senza glutine; per loro basterà spedire il buono, o una copia, e il credito verrà inserito sull’account personale del cliente che così potrà fare la sua spesa online e riceverla a casa”.
‘A tavola senza grane’ è anche una comunità che sta muovendo i primi passi in rete con una pagina Facebook che in pochi giorni ha già ricevuto moltissimi ‘like’. “L’obiettivo – ha spiegato la Proni – è quello di creare un punto di incontro per le persone caratterizzate da questa particolarità, e non problema!, e farci portavoce di iniziative, meeting, consigli, dibattiti e quanto possa rendere la nostra vita più agevole, più facile insomma… senza grane!”.

  • a tavola senza grane5
  • a tavola senza grane-2
  • a tavola senza grane-1
  • a tavola senza grane4
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts