Banner Top
Banner Top

Imbrattare segnali stradali non è reato

Segnale stradaleIl writer che imbratta segnali stradali non commette un reato ma semplicemente un illecito amministrativo. Quindi va punito con una multa e non con il carcere. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, che ha accolto il ricorso di un writer che, inizialmente, era stato punito con una condanna a sei mesi di reclusione, sostituiti, successivamente, con una multa di seimila euro dalla Seconda sezione penale della Corte Suprema. Dunque, linea morbida della Cassazione nei confronti di chi imbratta muri e segnali stradali. Nel mese di luglio del 2011, la Corte d’Appello di Genova aveva scelto la linea dura perché la vernice aveva reso inutilizzabili i cartelli tanto da costringere le autorità comunali a sostituirli, ravvisando quindi anche un danno economico. Ma, come già detto, la Cassazione ha dato ragione al writer, suscitando perplessità tra la gente. La prima reazione è giunta da un esponente del partito politico “Fratelli d’Italia” che ha dichiarato: “è una sconfitta per chi si batte per il decoro urbano nelle grandi e nelle piccole città”. Nel merito si registra anche una protesta dell’Associazione dei sostenitori e amici della Polizia stradale: “Questi sono atti vandalici e veri e propri attentati alla circolazione”. Va ricordato che, nei mesi scorsi, a Milano, gruppi di cittadini sono scesi in piazza per pulire muri e cartelli imbrattati e i writer sono stati indagati al pari di una associazione a delinquere.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts