Banner Top
Banner Top

Canosa Sannita: ora in crisi anche le aziende altamente qualificate

Fresenius_Medical_CareIl problema occupazionale non ha limiti territoriali nel nostro Abruzzo. Ogni giorno siamo costretti a riportare di aziende in crisi, di possibili perdite di posti di lavoro, di famiglie a rischio collasso economico. L’ultimo caso, vogliamo segnalarlo perché colpisce un segmento altamente specializzato come quello farmaceutico: parliamo della Dialifluids – Gruppo Fresenius Medical Care di Canosa Sannita, il piccolo centro dell’entroterra ortonese, che dà occupazione a 120 lavoratori prevalentemente giovani che raggiungono le 150 unità se si considera l’indotto.

Una strategia per favorire l’assegnazione degli investimenti a favore dello stabilimento abruzzese di proprietà della multinazionale tedesca Fresenius Medical Care, con lo scopo di preservare il sito produttivo nonostante la riduzione delle attività registrate negli ultimi mesi e la progressiva delocalizzazione della produzione, è stata al centro dell’incontro che si è svolto in Provincia di Chieti convocato dal Presidente, Enrico Di Giuseppantonio, insieme al Sindaco di Canosa Sannita Lorenzo Di Sario, ai rappresentanti dell’azienda chimico-farmaceutica Dialifluids, ai referenti provinciali delle organizzazione sindacali CGIL, CISL e UIL e Confindustria.

A margine dell’incontro, il Presidente della Provincia, Enrico Di Giuseppantonio afferma: “L’ottica condivisa da tutti gli interlocutori è quella di intervenire a sostegno dell’insediamento e dei lavoratori in un fase in cui è ancora possibile prevenire ogni criticità, tanto più se si considera la realtà aziendale della Dialifluids di Canosa Sannita. Tutto questo è possibile puntando sulla diversificazione della produzione e la riconversione al biomedicale attraverso un piano industriale sostenibile messo a punto dall’azienda. D’altronde, parliamo di uno stabilimento sano, altamente qualificato, dotato di impianti nuovi e moderni in un mercato ancora appetibile”.

“Ci siamo confrontati in un clima sereno e costruttivo, ho registrato la volontà comune di preservare il livello occupazionale e produttivo del nostro territorio e ci siamo impegnati a farlo nella consapevolezza che ci sono prospettive reali di attrarre gli investimenti da parte della multinazionale tedesca sul territorio nazionale e di catalizzarli in particolare verso lo stabilimento di Canosa Sannita. A tal fine, sulla scia della richiesta di incontro già avanzata dalle organizzazioni sindacali, chiederò formalmente l’apertura di un tavolo istituzionale al Ministero dello Sviluppo Economico ”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts