Banner Top
Banner Top

Nuovo marker per l’emicrania, ancora in evidenza la Neurologia di Vasto

emicrania-mal-di-testa

È di nuovo l’Unità Operativa di Neurologia dell’ospedale “San Pio” di Vasto ha mettersi in evidenza a livello internazionale per la ricerca.
All’8° International Headache Congress “Focus on headaches: pain, emotion and headache”, tenutosi a Stresa dal 23 al 25 maggio 2013, l’U.O. di Neurologia dell’ospedale di Vasto guidata dal dottor Pasqualino Litterio ha ottenuto il primo premio per la comunicazione più originale e interessante del Congresso. Il premio è stato ritirato dal dottor Stefano Viola, primo autore del lavoro, responsabile del Centro Cefalee.
La pubblicazione che lo stesso reparto è stato invitato ad illustrare riguarda i risultati di una ricerca inerente la scoperta di un nuovo marker dell’emicrania. L’emicrania, com’è stato spiegato, “è un disturbo comune che interessa fino al 14% della popolazione generale; colpisce prevalentemente le età adulte ed economicamente più produttive della vita (tra i 20 e i 50 anni), ma non risparmia neppure bambini, adolescenti ed anziani. In alcuni casi il disturbo si manifesta occasionalmente, ma, spesso, è così frequente e severo da compromettere le capacità lavorative e la vita familiare e sociale di chi ne soffre. Rilevanti risultano i risvolti economici tra costi diretti legati alla spesa per visite mediche, indagini diagnostiche, ricoveri, farmaci, terapie non farmacologiche e i costi indiretti che riguardano, invece, la ridotta capacità lavorativa ed i giorni di lavoro persi a causa della malattia”. In Italia la spesa raggiunge circa 15 miliardi di euro all’anno.
“Data la mancanza di specifici markers, – ha spiegato il dottor Litterio – la diagnosi di emicrania si basa esclusivamente sulla sintomatologia clinica. La nostra ricerca, mediante la Spettroscopia Transcranica infrarossa (NIRS) , metodica sicura, ripetibile e non invasiva, ha scoperto un nuovo marcatore dell’emicrania facilmente evidenziabile durante una visita ambulatoriale”.
Questo studio clinico, condotto su un gruppo di 20 pazienti affetti da emicrania confrontati con soggetti sani, è stato pubblicato proprio in questi giorni sul numero di maggio della prestigiosa rivista scientifica internazionale Neurological Science con il titolo: “A new near-infrared spectroscopy parameter as marker for patients with migraine (Stefano Viola, Paolo Viola*, Maria Pia Buongarzone, Luisa Fiorelli, Pasqualino Litterio. Department of Neurology, Headache Center, Vasto (CH), Italy *Emergency Medical Service, Atessa (CH), Italy – Neurological Science 2013 34:129-131)”.
“La scoperta di questo nuovo marker – ha sottolineato il dottor Litterio – potrebbe aiutare a comprendere i meccanismi patogenetici alla base dell’emicrania ancora in gran parte sconosciuti ed indicare inoltre altri filoni di ricerca per la cura dell’emicrania. È nostra ferma intenzione continuare a lavorare sulla ricerca e sulla sperimentazione clinica. In tal senso a breve ci saranno ulteriori e importanti risultati di grande rilievo per la nostra Unità Operativa”.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts