Banner Top
Banner Top

Mario Negri Sud, ora si saldano i debiti

Mario Negri SudQuasi un mese fa il Consiglio provinciale di Chieti approvò all’unanimità lo statuto definitivo della costituenda fondazione che andrà a sostituire l’attuale Consorzio Mario Negri Sud, prestigioso centro di ricerche con sede a Santa Maria Imbaro. Tale passaggio doveva costituire la rampa di lancio per garantire la permanenza dell’istituto, fiore all’occhiello del panorama scientifico nazionale presente da decenni nel territorio provinciale.

Ieri la stessa assise teatina ha fatto l’ultimo importante passo di sua competenza in quella direzione approvando all’unanimità una delibera che dà il via libera all’Amministrazione per liquidare risorse pari a 219mila euro che serviranno a sostenere i debiti maturati fino al 2012 dal Consorzio Mario Negri Sud e, tra l’altro, per pagare anche gli stipendi dei dipendenti

Le restanti pendenze verranno assolte tramite l’impegno dell’Istituto Mario Negri di Milano per un importo di 1,1 milioni di euro e un contributo di 145mila euro che entro breve dovrebbe essere deliberato dalla Regione Abruzzo.

Qui si chiudono gli atti in capo alla Provincia, dopo che l’Ente ha già provveduto a concedere in usufrutto a titolo gratuito l’intero immobile e ha curato il complesso iter di trasformazione dall’attuale Consorzio Negri Sud in Fondazione.

Il prossimo 5 giugno è già stato convocato il Consiglio di Amministrazione del consorzio che prenderà atto dei provvedimenti assunti dai soci e avvierà la procedura di riconoscimento della personalità giuridica della fondazione, che vedrà impegnati il notaio e la Prefettura di Chieti.

Non posso che esprimere una chiara e profonda soddisfazione anche a nome dell’intero Consiglio provinciale – dichiara il Presidente della Provincia di Chieti, Enrico Di Giuseppantonio – che ha dato prova di esemplare compattezza, e anche un pizzico di orgoglio per il contributo che la Provincia ha dato per garantire un futuro in Abruzzo all’istituto di ricerca. Le difficoltà incontrate nel percorso sono state tante ma con l’impegno di tutti possiamo guardare al futuro con rinnovata serenità. Il mio pensiero è soprattutto ai lavoratori del centro e in particolare ai giovani ricercatori e borsisti – conclude Di Giuseppantonio – professionisti di eccellenza del settore che troveranno prestissimo un punto di riferimento per rilanciare l’importante lavoro di ricerca del Negri Sud“.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts