Banner Top
Banner Top

Il TAR dice di nuovo no alla Petroceltic

foto da abruzzosvegliati.blogspot.com
foto da abruzzosvegliati.blogspot.com

Arriva dal TAR Lazio arriva una nuova sentenza incoraggiante nella lotta alla petrolizzazione. Il Tribunale amministrativo si è infatti pronunciato a favore dei ricorsi presentati dai Comuni di Torino di Sangro e Casalbordino, Termoli, Campomarino, Montenero di Bisaccia e dalla Regione Molise contro le richieste inoltrate dalla Petroceltic coerentemente con quanto aveva fatto su quello presentato dal Comune di Vasto. La Petroceltic Italia non potrà, dunque, effettuare perforazioni in un’area di 730 km quadri 40 km a Nord-Ovest di Punta Penna e a 26 km dalle isole Tremiti. Un nuovo importante passo, quindi, nella tutela del nostro mare Adriatico alla vigilia della grande manifestazione di protesta prevista a Pescara per il 13 aprile prossimo venturo all’insegna dello slogan “No alla deriva petrolifera, Sì all’Abruzzo sostenibile e alla tutela del suo mare”. Sono già decine le organizzazioni, i comitati e i movimenti che hanno lanciato l’appello per la partecipazione alla manifestazione regionale che si terrà con partenza alle ore 15:30 dalla Madonnina al Porto. La scelta del luogo di partenza è altamente simbolica perché sotto attacco è il Mare Adriatico.

E tantissimi sono anche coloro che hanno già aderito alla mobilitazione che “è scattata dopo l’approvazione del progetto Ombrina mare della Medoilgas – si legge in una nota -ma è la vera e propria deriva petrolifera contenuta nella Strategia Energetica Nazionale varata dal Governo Monti a preoccupare associazioni, sindacati e movimenti. In questo documento, inopinatamente varato da un Governo dimissionario, sono contenute scelte che dovrebbero incidere sul futuro della regione almeno fino al 2020, Tra queste, la destinazione a vero e proprio distretto minerario per gli idrocarburi dell’intero territorio abruzzese e del suo mare.

Per questo i promotori invitano la comunità abruzzese ad aderire alla manifestazione e a partecipare al corteo che sfilerà colorato per le vie di Pescara. “Un modello sociale, ambientale ed economico basato sulla qualità della vita e sulla sua durevolezza: questo vogliono i cittadini che manifesteranno – questa la chiusura della nota – Alle organizzazioni che fanno politica e alla istituzioni chiediamo di aderire alla lotta con iniziative e scelte concrete. Atti che devono contribuire a risolvere con successo questa vertenza, a partire dall’imporre il divieto di sfruttamento degli idrocarburi in Adriatico e all’impegno ad avversare con sollecitudine e accortezza tutti i progetti petroliferi che ormai quotidianamente cercano di assalire il nostro territorio”.

Ulteriori adesioni possono essere inviate all’email abruzzonopetrolio@libero.it. Intanto in calce riportiamo l’elenco di quelle registrate finora.

Pagina Facebook della manifestazione

http://www.facebook.com/pages/Manifestazione-NO-Ombrina-SI-Parco-Mobilitazione-per-13-Aprile-a-Pescara/471677382886666?ref=ts&fref=ts

INFO: 3683188739, 3478489363, 3488133092

elenco adesioni

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts