Banner Top
Banner Top

Emissioni irritanti provenienti dalla zona industriale di Punta Penna

l'assessore Marra
l’assessore Marra

“Si torna a segnalare che a flussi intermittenti, sono riprese ad avvertirsi, nell’area dell’impianto di depurazione, emissioni irritanti provenienti dall’area industriale di Vasto Punta Penna, con venti insistenti da NW (320 °-360°).”
Questa la segnalazione arrivata dal Coniv, riguardante in particolare le giornate del 7, 13 febbraio e nella mattinata del 14 febbraio. Nella stessa lettera, “si invitano nuovamente tutti gli Enti di competenza, ad intervenire con la massima urgenza e decisione al fine di individuare l’origine di tali fenomeni ed attivare tutti provvedimenti utili alla rimozione definitiva del problema” e contestualmente si denunciano i disagi dei dipendenti interni ed esterni.
Il circolo di Rifondazione Comunista “Sante Petrocelli” di Vasto, ha subito rilanciato l’allarme denunciando: “Quando pensiamo all’Abruzzo come Regione dei Parchi evidentemente pensiamo a una cartolina sempre più sbiadita: già da un po’ di tempo l’Abruzzo è diventata terra di conquista da parte di investitori che puntano a realizzare impianti di forte impatto ambientale con bassa occupazione, dalle centrali a biomasse a impianti di rigenerazione di acidi, o impianti di estrazione petrolifera, scegliendo come ubicazioni Riserve regionali, Parchi e laghi, ovvero quei luoghi che dovrebbero essere deputati ad un altro tipo di sviluppo: la valorizzazione del territorio a fini di eco sostenibilità turistica che in molti angoli del mondo crea occupazione e benessere per chi li abita. Ma chi ha in mano il potere del Governo Regionale non crede al progresso sociale: la nostra Regione ha scelto la strada della sudditanza medioevale e del provincialismo economico, grazie soprattutto a quelle Istituzioni Pubbliche che davanti ai poteri forti, con l’evidente avvallo della politica, piegano la schiena e si levano il cappello, intimoriti da flotte di avvocati e tecnici asserviti”.
“L’ultimo caso clamoroso – sottolineano da Rifondazione Comunista – è quello del Progetto Recogen di Puccioni SPA che ha ottenuto il parere positivo della Conferenza dei Servizi di martedì scorso, a seguito del parere positivo espresso dalla Commissione VIA. Una Commissione che, in pochi mesi, ha esaminato due volte il progetto esprimendo due pareri opposti: prima un no secco e, successivamente, un parere “positivo con prescrizioni”. Con la stessa formula si sono comportate la ASL e ARTA.”
“Poi capita però che il CONIV – conclude la nota –  la società che gestisce il depuratore di Punta Penna indirizzi al Comune, agli uffici appena citati di Regione, ASL, ARTA, ed anche a Provincia, NOE dei Carabinieri, e COASIV una lettera, datata 14 febbraio che” recita come sopra descritto. “È ora che la politica recuperi auterevolezza, per riconsiderare il bene collettivo prioritario rispetto a qualsiasi interesse particolare di qualche investitore.”

n.l.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts