Banner Top
Banner Top

Disoccupazione e povertà in forte crescita

Cresce la disoccupazione in Italia e non poteva essere altrimenti. La misura ci viene data dai rilevamenti ISTAT diffusi quest’oggi e fotografano bene quanto fino ad oggi siano state insufficienti le misure messe in campo da chi aveva il dovere di agire a tutela del lavoro e della dignità delle persone. Ecco la crudezza dei numeri: a dicembre il tasso di disoccupazione in Italia è salito all’11,2%, il più alto dal primo trimestre del 1999, ed in crescita dello 0,1% rispetto a novembre e di 1,8 punti nei dodici mesi. Il numero dei disoccupati è cresciuto di 4mila unità nel solo mese di novembre attestandosi a quota 2 milioni 875 mila, ma, su base annua, i posti di lavoro persi nel nostro Paese è pari a 474mila (+19,7%). A dicembre scorso gli occupati erano 22 milioni 723 mila, con un calo dello 0,5% rispetto a novembre (-104 mila) e dell’1,2% su base annua (-278 mila). Il tasso di occupazione, pari al 56,4%, diminuisce di 0,2 punti percentuali nel confronto congiunturale e di 0,6 punti rispetto a dodici mesi prima.

Questo il quadro ISTAT, ma quale sarà il futuro a breve termine secondo gli italiani: a rispondere ci ha pensato il Rapporto Italia 2013 dell’Eurispes  secondo il quale il 52,8% degli italiani crede che la situazione economica del Paese subirà un peggioramento nei prossimi 12 mesi, mentre il 27,9% è sicuro che rimarrà stabile e solo 1 italiano su 10 indica un sicuro miglioramento. Tra le categorie più pessimiste e sfiduciate ci sono gli imprenditori (65,5%).

E come se non bastasse 7 italiani su 10 hanno visto peggiorare la situazione economica personale, e due italiani su tre sono pressoché sicuri che non riusciranno a mettere nulla da parte nell’anno in corso. Il 60,6% degli italiani dichiara di essere costretto a intaccare i propri risparmi per arrivare alla fine del mese; il 62,8% ha grandi difficoltà ad affrontare la quarta settimana; il 79,2% non riesce a risparmiare.

Inoltre, quasi due terzi dei lavoratori, (61,3%), afferma che l’attuale occupazione non permette loro di sostenere spese importanti quali l’accensione di un mutuo o l’acquisto di un’automobile ed il 53,5% afferma di non essere più in grado di sostenere adeguatamente il proprio nucleo familiare.

Lu. Spa.

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts