Banner Top
Banner Top

Individuato “supermarket della droga”

Un fermo e quattro avvisi di garanzia sono stati notificati stamane durante l’operazione avviata alle 6 sotto il coordinamento del sostituto procuratore, il dottor Giancarlo Ciani e del vice questore, il dottor Cesare Ciammaichella. Protagonisti dell’operazione gli uomini del Commissariato di Polizia di Vasto che si sono avvalsi dell’appoggio della Squadra Mobile di Chieti, dell’Unità Cinofila di Ancona e di un elicottero della PS.

Come sottolineato dal vice questore Cesare Ciammaichella durante la conferenza stampa, intorno a un’abitazione della 167 è stato organizzato un sistema di spaccio capillare che era diventato problematico per il territorio con modalità particolarmente ingegnose, difficili solitamente da rilevare nelle attività al “dettaglio” nello spaccio.
Infatti la droga veniva ceduta all’interno di un appartamento in cui gli acquirenti entravano da una porta, acquistavano la droga e uscivano da un altro portone in un tempo che spesso non superava i 5 minuti.
Questa dinamica, ha sottolineato il dottor Ciammaichella, è stata individuata grazie al grande lavoro dell’Anticrimine che ha avuto non poche difficoltà investigative, in quanto il “supermarket” era ben protetto, attraverso “vedette” appostate intorno e sopra al palazzo. Utilizzato anche un piccolo cane  pincher che abbaiava a qualunque presenza sentisse ai piani sottostanti.

L’attività di indagine è andata avanti per molto tempo; in una prima fase l’Anticrimine ha osservato targhe e soggetti che passavano per quei locali e in un secondo momento è stato possibile ricostruire il meccanismo dell’attività di spaccio grazie a un sistema di camuffamento e alla ricostruzione di alcuni acquirenti fermati.

Stamani i provvedimenti nei confronti di due uomini e due donne di etnia rom: B. C., D. V., B.V. e G.L, ai quali è stato notificato un avviso di garanzia. Una delle persone è stata fermata, in attesa del provvedimento della magistratura. Le accuse sono di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, aggravate dall’impiego di minori. Sequestrati 16 grammi di cocaina purissima di cui la persona fermata ha cercato di liberarsi durante l’operazione, ma che sono stati ritrovati grazie anche all’ausilio dei cani dell’Unità Cinofila.
Non si escludono altri provvedimenti e si sta verificando se i locali siano stati affidati come “alloggi popolari” per eventualmente richiedere una revoca.

Natalfrancesco Litterio

  • unita' cinofila
  • DSC_0043
  • DSC_0050
  • cesare-ciammaichella
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts