Rapporto disabili-enti pubblici, un’impresa accorcia le distanze

Si chiama Propizio.org ed è il primo provider  sociale italiano con l’obiettivo di accorciare le distanze tra i cittadini e la pubblica amministrazione con sistemi e strumenti innovativi. La start up è stata fondata dal vastese Simone Alinovi, da anni impegnato in prima persona per migliorare le condizioni di vita delle persone con disabilità.

La chiave di volta è la digitalizzazione di una serie di servizi rivolti non solo ai disabili, ma anche ad anziani e caregiver. Un’idea che ha già ottenuto riconoscimenti e apprezzamenti dagli addetti ai lavori – pubblica amministrazione e terzo settore – e dai primi utenti finali che credono nel progetto e sono felici di iscriversi alla piattaforma fornendo i loro dati e le informazioni sulla loro condizione. Inoltre, Propizio.it è stata selezionata tra quasi 500 idee innovative e start-up per intraprendere un percorso di incubazione e accelerazione del progetto in collaborazione con la divisione ‘Social Innovationdi Fondazione Cariplo.

L’idea di intraprendere lo sviluppo di una piattaforma di questo genere è nata interrogando me stesso e  dando un’interpretazione delle mie esigenze da un punto di vista meramente soggettivo”, spiega Alinovi, “come fanno in tanti, ho cercato una risposta alle mie necessità online, senza però riuscire a trovare un unico interlocutore digitale che potesse fornirmi assistenza o le giuste informazioni per accedere a bonus, servizi e prestazioni. Voglio precisare che l’idea di sviluppare un portale come Propizio.it non è nata dal giorno alla notte, ma è frutto di profonde riflessioni personali e lunghi confronti con esponenti del settore attivi nel pubblico e nel privato. E devo ammettere che le parole di incoraggiamento non sono mai mancate e per questo ho deciso di mettere in piedi un team di professionisti, ognuno con le proprie competenze specifiche, che potessero aiutarmi in questa impresa che è da poco partita ufficialmente. In questa fase iniziale, che in gergo piace definire di start-up, la nostra piattaforma ha bisogno di incamerare dati. Tutte le attivazioni che stiamo mettendo in campo, sono rivolte ad aumentare il numero degli iscritti.

Se penso a Propizio nel lungo periodo, immagino un luogo digitale dove poter sviluppare una comunità inclusiva e dove poter trovare tutte le risposte o quasi ai bisogni di questa categoria”, conclude Alinovi.

Anna Bontempo (Il Centro)

 

 

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.