Banner Top
Banner Top

Muro delle Lame, Forum Civico Ecologista Vasto: “Menna chiarisca la sua posizione”

La replica del sindaco di Vasto Francesco Menna in merito al sequestro ad opera della Procura della Repubblica di Vasto di opere abusive dello Sporting Club Vasto ci lascia sconcertati.

Non possiamo infatti non prendere atto del fatto che le prime dichiarazioni rilasciate dal sindaco a seguito dell’avvenuto sequestro sono quelle di risposta a dei comunicati stampa – tra cui il nostro – i
quali chiedevano conto all’Amministrazione di quanto avvenuto al Parco Muro delle Lame, e nulla ha invece finora detto rispetto al conclamato abuso commesso (motivo per il quale pare essere in corso una richiesta di sanatoria).

Lascia infatti di stucco che la più alta carica cittadina nulla dice rispetto all’illecito e che non senta la necessità di esprimere il proprio disappunto, ma invece si affretta a rispondere a chi gli chiede di chiarire l’accaduto. Siamo al paradosso.

Anzi, il sindaco Francesco Menna dice testualmente che “L’obiettivo dell’Amministrazione comunale era di riqualificare, con un bando di gara per l’affidamento, in concessione, del servizio
di gestione dell’impianto sportivo “Parco Muro delle Lame”, un’area importante della nostra cittàper ridarle lustro e vivibilità. Ed è quello che, nonostante le notizie delle ultime ore, è stato fatto”.

Insomma, dice Francesco Menna, nonostante l’abuso commesso, quell’area ha riacquistato lustro e vivibilità.

Ci chiediamo: ma davvero il primo cittadino di Vasto sostiene che attraverso un abuso edilizio si possa dare lustro e vivibilità, ripetiamo, lustro e vivibilità, ad un’area pubblica? Non è forse questa una legittimazione politica all’abusivismo? Vogliamo sperare non sia realmente così.
Il sindaco Francesco Menna, che a luglio 2022, durante l’inaugurazione dello Sporting Club Vasto, in ostentata vanagloria esaltava la struttura la quale, secondo lui, sarebbe stata fatta con “il compasso della fata turchina”, e che al posto di chiarire pubblicamente l’accaduto e di prenderne le distanze, non solo invita a tacere chi gli chiede conto ma, addirittura, sostiene che attraverso un abuso si è dato lustro e vivibilità ad un’area pubblica, farebbe bene a sostenere pubblicamente il proprio fermo rifiuto di qualsiasi logica abusivista. A maggior ragione qualora l’abuso, semmai gli fosse sfuggito, avviene in un’area che il Piano di Assetto Idrogeologico classifica come P3, ovvero ad elevato rischio, cioè in cui “sono possibili la perdita di vite umane e lesioni gravi agli edifici e alle infrastrutture, la distruzione di attività socio-economiche”.

Forum civico ecologista

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com