Banner Top
Banner Top

Magnacca: “Politiche sociali, patrimonio di tutti”

Il reddito di cittadinanza e il fondo povertà sono stati al centro della riunione che si è tenuta stamattina della Commissione nazionale politiche sociali dell’Associazione nazionale dei Comuni d’Italia, alla presenza dei dirigenti ministeriali e dal dott. Paolo Onelli. È chiaro a tutti come le politiche sociali devono diventare un patrimonio comune a tutti, anche con i vari cambi di governo”. Così scrive Tiziana Magnacca, Componente Commissione nazionale Welfare e Politiche sociali dell’ANCI in una nota.

“I fondi disponibili – continua – sono notevolmente aumentati passando attraverso quelli previsti dal PNRR e dalla nuova programmazione nazionale con disponibilità che passano da poco più di un miliardo e 4 miliardi della nuova programmazione. Il tema della povertà stata affrontato con la consapevolezza del caso, ponendosi particolare attenzione alla prevenzione della povertà infantile, ovverosia di quelle famiglie con minori per cui occorre rafforzare le politiche di verifica e della frequenza della scuola, delle cure sanitarie, degli obblighi formativi perché scompaia nel nostro paese idea della trasmissione ereditaria della povertà. In questo senso il reddito di cittadinanza, come concessione di denaro, non può ritenersi misura sufficiente ad affrontare la povertà”.

“È emersa dunque una volontà di rivisitazione della misura del reddito di cittadinanza, anche con migliori adeguamenti del fondo povertà. È necessario, infatti, passare ad una nuova consapevolezza del ruolo delle politiche sociali e dei nuovi bisogni sociali che sono emersi in questi anni, non sempre solo legati alla povertà materiale. Il PNNR sarà una grande occasione per la progettazione del welfare del futuro, ma occorre sburocratizzare procedure e rendere sempre più trasparenti criteri e regole. Abbiamo tutti un grande compito da svolgere e non solo come pubblici amministratori. Gli enti comunali sono tenuti ad uno sforzo oltre misura per attuare il potenziale di cambiamento che i nuovi fondi portano con sé. Ma anche l’intera collettività, perché “per crescere un bambino occorre un intero villaggio”, conclude la Magnacca.

 

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.