Banner Top
Banner Top
Banner Top

Smargiassi: “Riaprite subito le attività chirurgiche”

Alle proteste del sindaco di Vasto, Francesco Menna sulla mancanza di anestetisti e sulla riapertura delle sale operatorie del San Pio è intervenuto anche il consigliere regionale del M5S, Pietro Smargiassi.

L’impossibilità di garantire l’attività chirurgica ordinaria per la carenza di anestesisti è solamente l’ultima prova di quanto sia trascurato l’ospedale di Vasto dalla Giunta regionale”, afferma Smargiassi che continua: “Si continua a sfruttare il presidio come una passerella per fare grandi annunci a ogni campagna elettorale e poi chi prende i voti con quelle promesse non è in grado nemmeno di garantire i servizi essenziali”.

“E’ una situazione inaccettabile – prosegue Smargiassi – anche e soprattutto a causa dell’emergenza pandemica e dell’impossibilità di fare operazioni per lasciare le strutture a disposizione dei pazienti Covid”.

Per Smargiassi tutto ciò è un danno incalcolabile per tutti quei pazienti sono costretti ad aspettare ancora per interventi chirurgici necessari per la propria salute.

“E mentre si abbandonano loro – aggiunge il consigliere regionale pentastellato – si abbandonano anche i molti bravi professionisti costretti a turni massacranti e spesso a rinunciare alle ferie. Tutto ciò è ingiustificabile”.

Smargiassi chiede dunque l’immediata assegnazione di anestesisti al San Pio per riaprire nuovamente le sale operatorie e far ripartire la regolare attività del presidio.

Dal canto suo il sindaco Menna ha invitato l’assessore regionale, Nicoletta Verì a verificare da vicino anche le condizioni in cui sono costretti a lavorare gli operatori dei reparti di Geriatria e Medicina.

Su quanto sta accadendo al San Pio di Vasto è intervenuto anche l’ex primario di Rianimazione, Filippo Marinucci che afferma che quello che accade è un dejà vu che sarà risolto solo quando sarà fatta una convenzione fra Università e ospedali.

“Senza parlare del fatto – aggiunge Marinucci – che l’immagine dell’ospedale di Vasto che viene diffusa non rende merito alle eccellenze che ci sono e scoraggia gli specializzandi”.

Paola Calvano

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.