Banner Top
Banner Top

Primavera (Cogepri): “Concluderò la Via Verde”

“Il mio interesse come Ati è finire i lavori e  riconsegnare il cantiere. Più passa il tempo e più subisco un danno economico”. L’ingegner Paolo Primavera della Cogepri srl, mandataria dell’ associazione temporanea di imprese che ha avuto in appalto i lavori per la realizzazione della Via Verde lungo l’ex tracciato ferroviario, interviene dopo le dichiarazioni rilasciate al Centro dal direttore della Confesercenti, Patrizio Lapenna. Il rappresentante della organizzazione datoriale aveva censurato i ritardi  che stanno costellando i lavori nel tratto vastese e puntato l’indice contro le imprese, la Provincia e la politica.

“Non ho alcun interesse a non concludere l’opera”, attacca Primavera, “è bene che si sappia: io da questi ritardi sto subendo un danno materiale ed economico per mettere in sicurezza il cantiere e per garantire la manutenzione. Apprendo oggi (ieri per chi legge ndc), che il tecnico incaricato dalla Provincia ha consegnato le valutazioni sulle gallerie che ne certificano la sicurezza statica. Sarebbe bene che questi certificati fossero trasmessi a noi dell’Ati per ultimare i lavori e non alla Confesercenti per polemizzare. E’ gravissimo che soggetti terzi siano a conoscenza di atti ufficiali che le imprese non conoscono. Forse non c’è tutto questo interesse a ultimare subito i lavori. Noi prendiamo le distanze da ulteriori ritardi di certo non imputabili alle imprese che, ad oggi, non ancora ricevono indicazioni in merito agli interventi da fare per completare l’opera. Questo cantiere sarebbe stato ultimato più di un anno fa”, aggiunge Primavera, “a maggio 2019 ho inviato una diffida,  con contestuale messa in mora,  alla Provincia intimandole di sistemare la documentazione carente per poter ultimare la pista ciclopedonale. Ci sono state anche ulteriori diffide ad adempiere. Avremmo potuto completare l’opera un anno fa. Sono stanco di essere accusato di inadempienze. E’ un anno e mezzo che dico che certe cose vanno sistemate. Sto subendo un danno economico per mettere in sicurezza il cantiere e per la manutenzione”, conclude l’ex presidente di Confindustria.

Nel frattempo il sindaco di Vasto, Francesco Menna, che ha partecipato al tavolo tecnico-istituzionale sulla Via Verde,  pungola la Provincia.

“Ho inteso sollecitare  il completamento di questa infrastruttura strategica non solo per la nostra città, ma per l’intera provincia”, dice il primo cittadino, “la Via Verde è il frutto di un’azione politica fortemente visionaria che il centrosinistra ha messo in campo nel corso degli anni e ha una rilevanza decisiva non solo per l’impatto turistico che andrà a determinare, ma soprattutto per aver comportato un virtuoso processo di blocco della speculazione edilizia della costa e per la sua fruibilità pubblica in chiave ecosostenibile e sportiva”.

Anna Bontempo (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.