Banner Top
Banner Top

Delitto Lizzi, ora la casa resta sotto sequestro

Colpito con un pugno, finito a calci sullo stomaco. E’ stato ucciso così Antonio Lizzi, 69 anni, il pensionato di Monteodorisio trovato morto nella sua casa alla periferia del paese. La sensazione è che gli investigatori abbiano individuato il possibile omicida e stiano raccogliendo il maggior numero di prove e indizi a suo carico per inchiodarlo. Non a caso la casa della vittima così come il suo furgone restano sotto sequestro.

Il corpo di Lizzi, come abbiamo più volte raccontato, è stato trovato la sera di domenica 4 febbraio attorno alle 22,30 dai carabinieri avvisati dal consigliere comunale Donato Lizzi. La morte però risale al 2 febbraio. Quando sono arrivati nella casa in campagna, i carabinieri pensavano ad un malore e invece hanno trovato una scena incredibile. Lizzi aveva il volto coperto di sangue. Subito sono partite le indagini: il vissuto di Lizzi e le sue condizioni economiche hanno portato gli investigtori ad escludere l’omicidio per rapina e a cercare invece possibili rancori con qualcuno che magari può avere avuto discussioni con la vittima. Lizzi teneva tutti a distanza ma raccontava a tutti ciò che faceva. A pochi concedeva di entrare a casa sua. Venerdi 2 febbraio Lizzi deve avere litigato con qualcuno che conosceva e dal quale non si è difeso fisicamente. La reazione del rivale è stata bestiale e violentissima. Lizzi ha scatenato la furia omicida della persona con cui stava discutendo.

Gli investigatori sembrano escludere la premeditazione. Sono in tanti in paese a ritenere che il cerchio si chiuderà nelle prossime ore.

Paola Calvano (Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.