Banner Top
Banner Top

Adesso il Cotir va verso la chiusura definitiva

Tre anni fa i primi cortei di protesta a Pescara. Oggi a Pescara la dichiarazione di chiusura. Non c’è un lieto fine nella lunga telenovela del Cotir.

Giovedi nella sede della Regione si riuniscono tutti i soci del Centro ricerche di contrad Zimarino per decretare la chiusura ufficiale dell’ente. I locali verranno svuotati e il futuro dei lavoratori resta al momento una incognita.

Cgil, Cisl e Uil si batteranno per la ricollocazione dei lavoratori e il recupero di almeno una parte delle spettanze. A distanza di due mesi dalla pubblicazione della delibera 591 sul futuro dei Crivea e del Cotir e l’annuncio della definitiva dismissione, ora la Regione procede nei fatti alla chiusura.

Un epilogo annunciato dopo che il 27 dicembre scorso il commissario liquidatore aveva invitato i dipendenti del Cotir a sospendere ogni attività.

«Un epilogo triste che smentisce ancora una volta le tante rassicurazioni, ma soprattutto l’ennesimo schiaffo per 30 lavoratori lasciati senza stipendio e ammortizzatori sociali nè giustificazione alcuna», è l’amaro commento di Ada Sinimberghi (Cgil).

A giorni 14 dipendenti, assunti dopo aver vinto un concorso, ascolteranno le decisioni dei giudici del tribunale di Vasto davanti ai quali il 17 novembre si è tenuta una udienza della causa contro la Regione per il riconoscimento giuridico di dipendenti pubblici. Il legale che li assiste, l’avvocato Carmine Di Risio, ribadisce che è uno status che spetta loro di diritto e che garantirebbe ai ricorrenti almeno la ricollocazione in un ente pubblico.

Paola Calvano ( Il Centro)

Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli
Griglia in fondo agli articoli

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.